Trattativa Stato-mafia: giudici in camera di consiglio. Si attende il verdetto :ilSicilia.it
Palermo

dopo l'udienza a Palermo

Trattativa Stato-mafia: giudici in camera di consiglio. Si attende il verdetto

di
20 Settembre 2021

La corte d’assise d’appello, che celebra il processo di secondo grado sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, è entrata in camera di consiglio per emettere il verdetto.

I giudici si sono ritirati al termine delle brevi repliche delle parti all’udienza che si è tenuta nell’aula bunker del carcere Pagliarelli di Palermo. La corte darà comunicazione alla cancelleria qualche ora prima della pronuncia della decisione che è attesa per i prossimi giorni.

Imputati al processo, che deve far luce sul presunto patto che pezzi dello Stato avrebbero stretto con la mafia negli anni delle stragi mafiose, gli ex ufficiali del Ros dei carabinieri Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe de Donno, l’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri, i boss Leoluca Bagarella e Antonino Cinà e il pentito Giovanni Brusca, tutti accusati di minaccia a Corpo politico dello Stato.

Nel corso del processo d’appello è stata dichiarata prescritta l’accusa a carico di Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo Vito, che rispondeva di calunnia aggravata e concorso in associazione mafiosa. Il 20 aprile 2018 al termine del dibattimento di primo grado, la Corte d’Assise ha inflitto 28 anni a Bagarella, 12 a Dell’Utri, Mori, Subranni e Cinà e 8 a De Donno e Ciancimino.

Per Brusca è stata dichiarata la prescrizione. Sotto processo, ma per il reato di falsa testimonianza, era finito anche l’ex ministro dell’interno Nicola Mancino che è stato assolto. La Procura non ha presentato appello e quindi l’assoluzione è diventata definitiva.

Per la cosiddetta trattativa è stato, infine, processato separatamente, in abbreviato, e assolto l’ex ministro Dc Calogero Mannino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.