Trattativa Stato-mafia? I grillini all'attacco di Berlusconi: "Molte ombre su di lui" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Dopo il silenzio di ieri al processo di Palermo

Trattativa Stato-mafia? I grillini all’attacco di Berlusconi: “Molte ombre su di lui”

12 Novembre 2019

Duro attacco del M5S all’ex premier e leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. In un post pubblicato sul Blog delle Stelle, i grillini commentano la scelta del Cavaliere di appellarsi alla facoltà di non rispondere al processo di Palermo sulla presunta trattativa Stato – mafia.

Berlusconi, abituato a cercare la luce dei riflettori e a sproloquiare, ieri ha fatto scena muta al processo sulla trattativa fra Stato e mafia. Proprio lui, che ha sempre cercato tv e fotografi, si è nascosto e ha chiesto di non essere ripreso e fotografato. Scegliendo di non rispondere in aula, Silvio Berlusconi rifiuta di dare il proprio contributo alla ricerca della verità“.

L’ex premier, chiamato a testimoniare nell’ambito del processo d’appello, ha liquidato le parti trincerandosi dietro la facoltà di non rispondere. Nella sostanza – spiegano -, Berlusconi ha deciso di non fugare i dubbi e le molte ombre che hanno circondato lui e l’ascesa di Forza Italia nei primi anni ’90. Anni bui su quali da un quarto di secolo ormai la magistratura sta tentando di fare piena luce. Berlusconi, ad esempio, avrebbe potuto rispondere a domande relative al suo storico braccio destro, Marcello Dell’Utri, rispondendo ad alcune domande come quella se gli fossero arrivate o meno minacce mafiose durante il suo primo esecutivo. Se Berlusconi non ha nulla da temere, perché non partecipare attivamente all’accertamento della verità processuale?“.

Al Cavaliere e ai suoi legali è apparso troppo rischioso parlare in qualità di testimone – una veste in cui non si ha facoltà’ di mentire – davanti ai giudici di Palermo, mentre a Firenze e’ in corso una indagine a suo carico nell’ambito di un procedimento aperto sulle stragi del ’93?“.

O più semplicemente – osservano i Cinquestelle -, rispondendo alle domande di procuratori generali, giudici e avvocati, Berlusconi avrebbe dovuto spiegare una volta per tutte i rapporti che lo hanno legato per decenni a Marcello Dell’Utri, ex senatore forzista già condannato per concorso esterno in associazione mafiosa? Gli interrogativi sono tanti e siamo certi che la verità’ su una delle pagine più opache della storia del nostro Paese e sui personaggi che l’hanno attraversata verrà fuori“.

Intanto pero’, guardando al presente, non possiamo che aggiungere un ulteriore interrogativo a quelli che arrivano dal passato: davvero Lega e Fratelli d’Italia vogliono riportare al governo Silvio Berlusconi? Ieri aveva una grande occasione per chiarire, una volta per tutte. Non l’ha fatto. Noi siamo per la verità, perché e’ su quella che vogliamo continuare a lavorare per dare un futuro migliore ai cittadini italiani. Salvini e Meloni, invece, sembrano guardare con nostalgia a un passato fosco e ai suoi protagonisti“.

LEGGI ANCHE:

Trattativa Stato-mafia? Berlusconi in Aula a Palermo non risponde ai giudici e va via

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.