Trattativa Stato-mafia: parla Brusca. Convocati al processo Di Pietro e Berlusconi :ilSicilia.it
Palermo

il prossimo 3 ottobre

Trattativa Stato-mafia: parla Brusca. Convocati al processo Di Pietro e Berlusconi

di
12 Settembre 2019

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi e l’ex pm di Mani pulite Antonio di Pietro saranno sentiti come testimoni nell’aula bunker di Palermo nel processo d’appello per la presunta trattativa Stato-mafia.

È stato comunicato nell’udienza di oggi dal presidente della Corte d’assise d’appello Angelo Pellino che ha confermato la data del prossimo 3 ottobre per le deposizioni. La Corte lo scorso 22 luglio aveva ammesso la richiesta dei legali di Marcello Dell’Utri di ascoltare l’ex premier. Il 24 ottobre dovrebbero testimoniare l’ex procuratore di Palermo Gian Carlo Caselli e l’ex presidente della commissione parlamentare antimafia Luciano Violante. Nel processo sono imputati di minaccia al corpo politico dello Stato, oltre a Dell’Utri, gli ex ufficiali del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, il pentito Giovanni Brusca, Massimo Ciancimino e i boss Leoluca Bagarella e Antonio Cinà.

Oggi nel processo hanno deposto i collaboratori di Giustizia Giovanni Brusca e Gioacchino La Barbera in videoconferenza.

Calogero Mannino
Calogero Mannino

I due sono stati anche messi a confronto sul presunto progetto di uccisione dell’ex ministro Calogero Mannino: su quando doveva essere messo a segno l’attentato Brusca e La Barbera non sono d’accordo. Brusca ha anche detto che dopo la sentenza del maxiprocesso i boss di Cosa nostra avevano intenzione di “uccidere Falcone e Borsellino ma anche politici come Martelli, Vizzini e Mannino”.

Lo scorso luglio, confermando la sentenza di primo grado, la Corte d’appello di Palermo aveva assolto l’ex ministro Mannino dall’accusa di minaccia a Corpo politico dello Stato. Era imputato nel processo stralcio sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia.

In primo grado, nel processo che si sta svolgendo a Palermo, gli ex vertici del Ros Mario Mori e Antonio Subranni erano stati condannati a 12 anni di carcere. Stessa pena per l’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri; a 28 anni sempre per minaccia a corpo politico dello Stato, era stato condannato il capo mafia Leoluca Bagarella. Dodici anni di carcere anche al boss Antonino Cinà. L’ex ufficiale del Ros Giuseppe De Donno era stato condannato a 8 anni. Massimo Ciancimino, accusato di concorso in associazione mafiosa e calunnia dell’ex capo della polizia Gianni De Gennaro, aveva avuto 8 anni di carcere. La Corte aveva assolto dall’accusa di falsa testimonianza l’ex ministro Nicola Mancino. L’assoluzione non è stata impugnata quindi è definitiva.

 

LEGGI ANCHE:

“Trattativa”, ecco la sentenza: condannato lo Stato, “Mori e De Donno negoziarono con la mafia”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin