Tre anni di governo, Lagalla, Razza e Scavone: "Sicilia a dimensione di giovani e famiglie" | VIDEO :ilSicilia.it

le dichiarazioni

Tre anni di governo, Lagalla, Razza e Scavone: “Sicilia a dimensione di giovani e famiglie” | VIDEO

di
26 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La collaborazione tra generazioni nell’affrontare la pandemia, il sostegno alla scuola e la costruzione di un nuovo modello di istruzione e formazione professionale che porti i giovani nel mondo del lavoro con competenze adeguate permettendogli di non dover lasciare la Sicilia. Questi i temi al centro della terza delle quattro sessioni di lavoro dell’evento “Il governo della Regione. Tre anni di lavoro per la Sicilia”, sul tema “La Sicilia per le famiglie e i giovani”. Hanno partecipato gli assessori regionali alla Salute, Ruggero Razza, all’Istruzione, Roberto Lagalla, e alla Famiglia, Antonio Scavone. Il dibattito è stato moderato dal giornalista Franco Nuccio, dell’agenzia Ansa. 
 
«Vedere insieme medici in pensione che hanno deciso di essere in prima linea e giovani specializzandi, ha restituito il senso di un’unione tra generazioni nella lotta la Covid» ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. Sull’impegno nei confronti delle nuove generazioni da parte del governo Musumeci, l’assessore ha sottolineato: «Una delle direttrici dell’azione di governo è stata anche quella di ridurre il precariato nel campo della sanità, riuscendo a risolvere situazioni esistenti ormai da trent’anni».
Nella lotta al coronavirus, Razza ha poi sottolineato: «Grazie anche alla collaborazione tra generazioni, la Sicilia è riuscita a raggiungere un primato positivo: la Regione non è mai stata sottoposta a enorme stress nelle strutture ospedaliere. Non è mai accaduto che un paziente siciliano non abbia ricevuto le cure adeguate».
L’assessore ha anche ricordato, nel ricostruire la lotta alla pandemia, come la Regione abbia anticipato alcune decisioni a livello nazionale, come gli hub per le vaccinazioni, le campagne nelle isole minori e poi quelle rivolte alle comunità montane: «Quando abbiamo lanciato queste iniziative, sono state accolte con diffidenza poi anche le altre Regioni le hanno abbracciate». Razza ha poi ricordato l’impegno nel campo dell’edilizia sanitaria e nel settore della tecnologia e della ricerca universitaria per far diventare la Sicilia un hub delle biotecnologie nel Mediterraneo.
 
La sfida della pandemia e il modo in cui la Sicilia ha reagito sono stati lo spunto di partenza dell’intervento dell’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla: «Abbiamo introdotto all’interno del sistema risorse aggiuntive per sostenere la Dad, tenendo conto del forte digital divide. Alla fine il dato ministeriale ha premiato la Sicilia con la Regione che si è trovata nella media italiana in quanto a copertura della didattica a distanza».
Un altro dato è quello che riguarda il numero dei giorni di scuola durante la pandemia, con la Sicilia che ne ha realizzati tra i più alti di tutta Italia.
Nel corso dell’intervento, Lagalla ha anche fatto il punto sulla spesa nel settore: «Investimenti importanti sia per il mondo della scuola che per la formazione professionale e per l’università con uno sguardo all’internazionalizzazione. La lotta alla povertà educativa resta una strategia vincente. Nella formazione professionale, la tendenza è quella di incrementare il modello dell’Avviso 33 che ha pienamente coinvolto le aziende nei progetti formativi». 
 
Ai giovani sono rivolti anche alcuni dei progetti dell’assessorato alla Famiglia e alle Politiche Sociali come ha ricordato l’assessore Scavone: «Le risorse che abbiamo messo in campo le abbiamo spese tutte – ha dichiarato – Gli interventi per il welfare sono stati di oltre un miliardo e mezzo di euro soprattutto per le persone con disabilità».
Nel campo del lavoro, Scavone ha ricordato anche alcune delle misure più recenti nel settore: «Garanzia Giovani 2 è motivo di orgoglio. Il più grande progetto che investirà oltre 100 mila giovani, 206 milioni di euro in circa sette percorsi di inserimento al lavoro e di formazione».
 
L’evento, in corso nell’ex chiesa di Santa Maria dello Spasimo di Palermo, è la prima delle tappe organizzate dal governo Musumeci per presentare a siciliani e Istituzioni il lavoro svolto nei primi tre anni di mandato e gli obiettivi di fine legislatura.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.