Tre frane a Piano Battaglia: pronto il progetto per le strade d'accesso :ilSicilia.it
Palermo

le dichiarazioni del presidente Musumeci

Tre frane a Piano Battaglia: pronto il progetto per le strade d’accesso

2 Gennaio 2020

Il progetto è pronto e adesso potranno finalmente essere messe in sicurezza le strade provinciali 54 e 113, le due arterie che consentono di raggiungere Piano Battaglia, la località sciistica del Palermitano.

Lo dice la presidenza della Regione. Il governatore Musumeci si era recato sulle Madonie per verificare di persona le condizioni di quei luoghi che aveva definito patrimonio di tutta la Sicilia e, in quanto tali, da migliorare il più possibile in modo da renderli davvero un importante attrattore turistico.

Tra le tante criticità riscontrate dal governatore anche quelle riguardanti la viabilità ed è per questo che il team di tecnici che compongono l’Ufficio speciale di Palazzo Orleans, diretto dall’ingegnere Leonardo Santoro, ha accelerato per fornire alla Città metropolitana di Palermo il progetto, elaborato di concerto con l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, che prevede la messa in sicurezza di un percorso che, come aveva sottolineato Musumeci, presenta un manto stradale deteriorato, pieno di buche, lungo il quale manca la segnaletica e i guard rail sono divelti anche a causa di tre movimenti franosi in corso.

pullman bloccato a Piano Battaglia
(FOTO FB)

Per l’intervento previsto dal progetto sono già stati stanziati, da parte del dipartimento regionale delle Infrastrutture, due milioni e quattrocentomila euro, risorse che provengono dall’Accordo di programma quadro Madonie.

Rispettiamo e continueremo a rispettare – afferma il presidente Nello Musumeci – gli impegni assunti. Le competenze restano distribuite tra diversi enti e ogni singolo attore di questo grande progetto di rilancio di Piano Battaglia dovrà fare la propria parte fino in fondo affinché la prossima stagione sciistica veda finalmente questi luoghi di nuovo al centro dell’interesse di chi ama la neve e desidera godersi la montagna in totale sicurezza e con tutti i comfort necessari“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona