Tre giorni a Vulcano con la Dj ambientalista, tra dance e slogan: “Bruciamo le energie non i boschi” | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Trapani

una tre giorni tra balli e promozione del rispetto per l'ambiente: 4, 5 e 6 agosto

Tre giorni a Vulcano con la Dj ambientalista, tra dance e slogan: “Bruciamo le energie non i boschi”

di
3 Agosto 2017

Una festa della musica e dell’ambiente, con dj set e curiosi messaggi che servono a sensibilizzare giovani e meno giovani sulla cultura green. Si apre così la stagione dei summer weekend organizzati dal Resort Mari del Sud nell’isola di Vulcano sulla celebre terrazza con vista sui Faraglioni e la tappa inaugurale con una tre giorni tra balli e promozione del rispetto per l’ambiente: 4, 5 e 6 agosto. Alla consolle ci sarà infatti Dj Manola, una delle regine del mixer più gettonate di questo periodo (scelta anche da Louis Vuitton e da Dolce & Gabbana per le loro serate evento a Palermo), molto impegnata nelle attività e nelle campagne in favore della tutela del territorio e del mare, in particolare quello della “sua” Sicilia.

Dj Manola, che torna a lavorare nell’isola per il decimo anno consecutivo, tra un mixaggio e l’altro ricorderà ai partecipanti alcune statistiche che servono a sottolineare il prezioso tesoro di cui disponiamo e che, spiega la dj “va gelosamente protetto”: quanti ettari di boschi ci sono in Italia, quali sono i tempi di decomposizione dei rifiuti in mare, quanto è importante un ambiente sano per lo sviluppo della biodiversità. Chiaro l’intento di indirizzare il suo pubblico verso una cultura del rispetto dell’ambiente e di scoraggiare comportamenti superficiali e pericolosi “come quelli dei piromani, che quest’anno hanno colpito duro anche a Lipari”. Pronti, per l’occasione, alcuni slogan come “Bruciamo le energie in pista, non i boschi”.

Dj Manola, nata a Palermo e approdata presto alle agenzie milanesi, lavora nei più noti locali e collabora con diversi brand del mondo dell’impresa e della moda. Tanti i titoli già messi in bacheca dalla dj, che ha lavorato anche a Tenerife, Mykonos, Malta e vanta opening a svariati dj di fama internazionale, come Joe T Vannelli, Claudio Coccoluto e Stefano Noferini: nel 2012 è stata finalista del contest “She can Dj” di Emi Music ed è stata selezionata come dj donna dell’anno dal settimanale “Grazia”; nel 2015 ha vinto il Premio “Bewons Best Talent”. Le sue sonorità? Molto varie, spazia dall’indie dance alla deep, dall’house alla techhouse, dalla dance alla dance all. E dove lei ritiene opportuno, può immergersi con disinvoltura nella musica del passato, fino al suo mito Elvis.

La sua vocazione ambientalista l’ha portata ad aderire a diverse campagne, tra cui quella per la pulizia (da volontaria) proprio delle spiagge di Vulcano. La stessa struttura che ospiterà i summer week end di agosto, I Mari del Sud, è progettata nel rispetto dell’ambiente e si impegna da anni nella lotta alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e nella cura del mare e dell’ecosistema circostante, tanto da aver stretto una partnership con il Ministero dell’Ambiente e un impegno di adesione alle campagne di Marevivo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.