22 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.18
Catania

Risiedono nel campo nomadi della città etnea

Tre rom bloccate dalla polizia mentre stavano per svaligiare alcune abitazioni nel Catanese

31 Luglio 2018

Ad Acireale, in provincia di Catania, agenti della polizia hanno sorpreso e bloccato tre giovani rom che si aggiravano per le vie del centro, col chiaro intento di svaligiare uno o più appartamenti.

Nonostante si mostrassero ben abbigliate e distinte nel comportamento, infatti, non sono sfuggite all’attenzione dei poliziotti del commissariato che le hanno colte mentre uscivano dal portone di uno stabile dove non avrebbero avuto alcun motivo di trovarsi.

I sospetti degli agenti sono stati immediatamente confermati quando, grazie agli accertamenti fatti sul posto, le tre giovani residenti nel campo nomadi di Catania, in via San Giuseppe La Rena, sono state trovate sprovviste di documenti.

Sono state poi portate negli uffici del commissariato dove sono state perquisite e addosso ad una di loro è stato trovato, nascosto nella biancheria intima, uno strumento di effrazione.

Si trattava di un congegno per aprire le porte delle abitazioni. Due delle tre donne sono state denunciate alla Procura della Repubblica: una per possesso ingiustificato di arnesi da scasso e l’altra per inosservanza di un provvedimento della questura che le aveva imposto di lasciare il territorio dello Stato. Alle tre donne, inoltre, tutte con precedenti penali specifici, è stato notificato il “foglio di via” obbligatorio con il divieto di fare ritorno ad Acireale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.