Trekking sulla Dorsale dei Nebrodi, non la solita passeggiata :ilSicilia.it

Un percorso ad anello, di circa 10 km, con partenza da Portella Femmina Morta

Trekking sulla Dorsale dei Nebrodi, non la solita passeggiata

di
4 Luglio 2017

A 1790 m svetta il maestoso Acerone di Monte Soro e poi la rigogliosa faggeta di Sollazzo Verde ed il grande lago Maulazzo, il famoso tratto centrale della Dorsale dei Nebrodi. Un appuntamento domenica 9 luglio, alle 10, all’insegna della natura: non sarà “la solita” passeggiata, ma tanto, tanto di più. Un percorso ad anello, di circa 10 km, con partenza da Portella Femmina Morta, lungo la statale 289, a metà strada tra San Fratello e Cesarò.
Atmosfere magiche e colori d’incanto sono solo alcuni degli aspetti naturalistici esclusivi di questo territorio. Non si possono descrivere qui, bisogna viverli!

Difficoltà: E (Escursionismo)
Lunghezza: Km 10 ca.
Tempo percorrenza totale: h. 4/5

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.