12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.33

L'assessore replica alla nota dell'esponente del M5s

Treni Caltanissetta-Ragusa, Falcone: “Le esigenze degli utenti sono al primo posto”

10 Febbraio 2019

Siamo pronti a discutere sulle perplessità sollevate dalla deputata Ars Stefania Campo riguardo gli orari dei treni da Caltanissetta verso Ragusa e Comiso, mettendo al primo posto, come finora sempre accaduto, le esigenze degli utenti“. L’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone replica così alla nota della deputata del Ragusano che segnalava disfunzioni sugli orari della linea ferroviaria Siracusa-Ragusa-Gela-Licata-Caltanissetta.

“Contrariamente, infatti, a quanto ingenerosamente sostenuto dall’esponente M5s – prosegue l’assessore – il Governo Musumeci ha messo al centro della propria azione politica il continuo confronto con i cittadini, le associazioni, le categorie professionali e le imprese”.

Sui treni – sottolinea Falcone – abbiamo dato vita all’utile strumento dell’Osservatorio sull’andamento del servizio di Trenitalia in Sicilia, tavolo di discussione permanente che i pendolari, alle cui richieste, finora, nessuno aveva dato il peso che meritano, invocavano addirittura dal 2013. Già martedì 12 febbraio – aggiunge infine Falcone – qualora la deputata volesse, potrà partecipare a un incontro operativo con Trenitalia e i pendolari che abbiamo già programmato“.

L’assessore Falcone interviene, inoltre, sul disegno di legge presentato sempre da Campo sul personale delle Motorizzazioni.

Comprendiamo le motivazioni alla base della proposta, ma va rimarcato che la situazione negli uffici delle Motorizzazioni non è così catastrofica come si evincerebbe dalle parole della deputata. Vero è – ragiona Falcone – che le dotazioni organiche potrebbero essere incrementate, ma nonostante le difficoltà i fondamentali servizi degli enti, costantemente monitorati dal Governo Musumeci, vengono garantiti e le Motorizzazioni assicurano ben 18 milioni di euro annui in entrata al bilancio della Regione“.

L’assessore alle Infrastrutture evidenzia il valore di altre iniziative del Governo Musumeci legate al rilancio delle Motorizzazioni: “Il rafforzamento degli organici, attraverso la mobilità fra i vari rami dell’amministrazione regionale, è già stato avviato e si intensificherà nel corso dei mesi. Fra le altre cose – aggiunge ancora Falcone – abbiamo poi dato seguito a una richiesta, da tempo inascoltata, del personale di fascia A e B, sbloccando la possibilità, per questi dipendenti, di affiancare il personale che si occupa di revisioni e collaudi dei veicoli, su tutte le province, con i relativi riconoscimenti retributivi. Da ultimo, è stato apprezzato lo svolgimento degli esami per gli istruttori su cui abbiamo lavorato con attenzione. Proprio pochi giorni fa – conclude l’esponente del Governo Musumeci – siamo stati in visita alla Motorizzazione di Ragusa, raccogliendo gli stimoli da parte degli operatori”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.