Treni Palermo-Punta Raisi, appuntamento rinviato: ecco la nuova data | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

INTANTO LA TALPA È A SOLI 2 METRI DAL TRAGUARDO

Treni Palermo-Punta Raisi, appuntamento rinviato: ecco la nuova data | FOTO

di
14 Settembre 2018
Galleria Notarbartolo TBM Marisol, Passante Fs, 25.03.2018 [Cifi Palermo]
Galleria Notarbartolo Passante Fs, 25.03.2018 [Cifi Palermo]
Cantiere Notarbartolo, conci
Testa della Tbm "Marisol"
Cabina di comando Talpa TBM "Marisol"
Santa Barbara, protettrice degli edili
Coda della Tbm "Marisol"
Galleria Notarbartolo-Belgio
La talpa Tbm "Marisol" a Notarbartolo (18.06.2016) © D. G.

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Alla fine è saltata l’inaugurazione della nuova tratta ferroviaria da Palermo all’aeroporto di Punta Raisi. Il 14 settembre era prevista la prima corsa, come preannunciato su Facebook dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. Ma l’annuncio in pompa magna si è rivelato un clamoroso autogol per le Ferrovie.

Rfi e Trenitalia, in verità, erano praticamente pronte. Ma lo stop imposto dalla Prefettura per aggiornare il per il “Piano di Sicurezza” delle gallerie ha fatto rinviare tutto alla prossima settimana. Con la necessità di introdurre dei bus sostitutivi.

Adesso che il Prefetto ha dato l’ok al nuovo Piano (aggiornato a tempo record), si attende solo l’ok definitivo dell’ANSF (Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie).

Secondo indiscrezioni, lunedì è previsto l’ultimo test dei vigili del fuoco; poi, salvo nuovi imprevisti, arriverà l’ok entro il 19 settembre. Per quella data infatti si ipotizza il nuovo via libera.

Le Ferrovie infatti vorrebbero far coincidere la prima corsa con un altro momento tanto atteso: l’abbattimento dell’ultimo diaframma della nuova galleria Notarbartolo-Belgio, scavata con la talpa Tbm “Marisol (vedi le foto in alto). Una cerimonia sicuramente emozionante per gli addetti ai lavori.

Talpa TBM "Marisol"
Coda della Tbm “Marisol”

La fresa ha un diametro di 9,40 metri, è lunga 130 metri e pesa 1.200 tonnellate. È avanzata “a vuoto” rivestendo i primi 150 metri di galleria con scavo tradizionale, e poi con scavo meccanizzato per i successivi 2 Km. La galleria è stata rivestita con dei “conci” prefabbricati in calcestruzzo armato, «realizzati a Potenza. Ogni “anello” di tunnel è composto da 7 conci». Ne sono stati installati finora oltre 1.400.

Da RFI, anche se manca ancora la nota ufficiale, si sbilanciano ai microfoni de ilSicilia.it: «Noi siamo pronti. La mattina del 19 settembre procederemo ad abbattere l’ultimo diaframma. Speriamo di festeggiare doppiamente con l’apertura della linea Palermo-Punta Raisi. Il costo del biglietto per l’aeroporto sarà di € 5,90».

Dopo 3 anni di stop, si rivedranno finalmente i treni, anche se non fermeranno a Capaci. Il contenzioso con Sis infatti ha determinato una rivisitazione del progetto: le fermate “Belgio” e “Kennedy-Capaci” non saranno attivate per il momento. Da qui le proteste dei capacioti. Stralciata dal contratto anche la fermata “Lazio”, che sarà riappaltata. Ancora incerto il futuro per “Giustizia-Imera” (per via del famoso tappo di vicolo Bernava).

In basso l’immagine di “Palermo in Progress” da cui si vede il pozzo di estrazione da cui uscirà la talpa TBM, a due passi dal ponte di via Belgio. Si vedono gli operai della SIS intenti alla realizzazione della “sella” su cui poggerà “Marisol“, ormai arrivata a soli 2 metri dal traguardo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.