Treni Palermo-Punta Raisi: è arrivato l'ok. Domenica l'inaugurazione :ilSicilia.it
Palermo

TUTTO PRONTO

Treni Palermo-Punta Raisi: è arrivato l’ok. I treni tornano a circolare

6 Ottobre 2018

La notizia tanto attesa è arrivata. Dopo oltre 3 anni di stop, tornano finalmente a circolare i treni da Palermo all’aeroporto di Punta Raisi.

Mentre scriviamo infatti, i telefoni dei tecnici di RFI non fanno che squillare per l’imminente arrivo della cosiddetta “AMIS“, ovvero l’Autorizzazione di Messa In Servizio della nuova linea, raddoppiata da Notarbartolo all’aeroporto Falcone e Borsellino.

L’ANSF (l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie) ha infatti pronto l’incartamento necessario per il via libera ai treni. Dopo numerosi rinvii e annunci prematuri, domani, al 99% – salvo nuovi improvvisi dietrofront – ci sarà l’inaugurazione ufficiale.

Ce lo confermano fonti interne delle Ferrovie: “Ci siamo – rivelano a ilSicilia.it – . Attendiamo le carte oggi pomeriggio e domani mattina (domenica 7 ottobre, ndr) apriamo la linea ai treni”. Superati, dunque tutti i problemi nelle nuove gallerie, e i rilievi mossi dalla Prefettura di Palermo.

Il raddoppio del passante ferroviario di Palermo permetterà quindi un più rapido collegamento con l’hinterland e con lo scalo di Punta Raisi. Saranno i treni “Jazz” a cominciare il servizio di trasporto per i passeggeri. Il costo del biglietto per l’aeroporto sarà di € 5,90.

Al momento non si conoscono tutti i dettagli. Ma nelle prossime ore, salvo nuove sorprese, ne sapremo certamente di più.

 


AGGIORNAMENTO ORE 16:50

Anche l’assessore regionale Marco Falcone conferma tutto, tramite il suo account Facebook: «Finalmente si parte! Tra qualche ora, dopo tre anni e mezzo, si riapre la tratta ferroviaria stazione Notarbartolo – aeroporto Punta Raisi. Il direttore dell’Agenzia Nazionale della Sicurezza Ferroviaria, D.ssa Marzoni, ha comunicato, oggi, che tutti i controlli di sicurezza sulla linea sono stati eseguiti ed hanno avuto esito positivo. Era un impegno del Governo #Musumeci ed è stato rispettato! Nei prossimi giorni il Presidente #Musumeci, accompagnato dai vertici FS, RFI e Trenitalia, effettuerà un “viaggio istituzionale”».

ORE 16:52 – LA NOTA UFFICIALE DI RFI

Le anticipazioni de ilSicilia.it vengono confermate: «Sarà riattivato domani (domenica 7 ottobre, ndr) il collegamento ferroviario tra la stazione di Palermo Centrale e l’aeroporto “Falcone e Borsellino”. Oggi, infatti, l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) ha rilasciato al Gruppo FS Italiane, tramite la controllata RFI, l’Autorizzazione alla Messa in Servizio (AMIS) per il Passante di Palermo. I lavori per il ripristino del collegamento ferroviario con Punta Raisi erano stati completati a fine luglio.

Domenica, il primo treno per l’aeroporto partirà alle 6.05 dalla stazione di Palermo Centrale; in senso inverso, l’ultima partenza da Punta Raisi è prevista alle 21.52. L’offerta commerciale di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) per l’aeroporto prevede nei giorni feriali 61 treni – effettuati con convogli Jazz e Minuetto – al giorno, con una cadenza di due treni/ora garantita da un servizio più veloce e uno che effettuerà tutte le fermate. Oltre al collegamento con l’aeroporto, infatti, l’apertura del Passante tornerà a offrire ai pendolari palermitani un comodo e apprezzato collegamento metropolitano. Info sulle fermate su trenitalia.com.   

Da domani, assieme ai treni, saranno anche disponibili le due nuove fermate di La Malfa e Sferracavallo».

ORE 18,03 – LA NOTA DEL PRESIDENTE MUSUMECI

musumeci-treno«Abbiamo mantenuto l’impegno, scongiurando che l’opera restasse l’ennesima incompiuta con un danno enorme per i cittadini. Siamo soddisfatti del risultato raggiunto che consente l’entrata in funzione di un servizio essenziale non solo per la città di Palermo, ma per tutta la Sicilia occidentale».  In accordo con Fs, Rfi, Trenitalia e il governo nazionale, nei prossimi giorni, si terrà anche un viaggio inaugurale.

«Nel contempo – continua il presidente Musumeci – insieme all’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone abbiamo chiesto a Rfi il mantenimento degli impegni per accelerare la conclusione di altre opere ferroviarie strategiche per la nostra Isola: l’apertura immediata del cantiere per la linea Bicocca-Catenanuova e il proseguimento della Ogliastrillo-Castelbuono».

 

LE ALTRE REAZIONI

“La riattivazione da domani della linea ferroviaria Palermo-Punta Raisi è un passo in avanti importante per la mobilità cittadina, che potrà tornare a contare su un collegamento veloce con l’aeroporto. Si ridurranno così notevolmente i disagi degli utenti, che però si aspettano adesso che si accelerino i lavori di completamento del passante ferroviario ma soprattutto che si istituisca il biglietto unico con tram e autobus“. Lo dice Dario Chinnici, capogruppo del Partito Democratico al consiglio comunale di Palermo.

 


LEGGI ANCHE:

Ferrovie, sbloccata l’impasse: a ottobre i treni Palermo-Punta Raisi

Treni per Punta Raisi, arriva la conferma dalla Regione | VIDEO

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.