8 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.22

sabato 21 e domenica 22 settembre

“Treni storici del Gusto”: week-end con tre itinerari

20 Settembre 2019

Nuovo week-end sabato 21 e domenica 22 settembre con i treni storici del gusto della Fondazione FS alla scoperta dei piccoli borghi e delle mete più suggestive dell’Isola. In programma tre itinerari all’insegna del turismo “slow”, alla scoperta dei piccoli borghi e delle aree più suggestive dell’isola.

In programma: domani mattina, partenza alle 8.25 dalla stazione di Messina Centrale del ‘Treno del pistacchio di Bronte e dei frutti dell’Etna’ diretto a Bronte e Randazzo, con fermate a Fermate a Tremestieri, Roccalumera, Taormina Giardini, con arrivo a Giarre Riposto alle 10. Da qui i viaggiatori raggiungeranno a piedi la vicina fermata Giarre da dove partirà il treno a scartamento ridotto diretto a Bronte, per una visita al centro storico a cura della Pro Loco. A seguire è in programma il Laboratorio del Gusto, con protagonisti il pistacchio di Bronte, il cavolo trunzo di Aci e le antiche mele dell’Etna. Nel pomeriggio in bus fino a Randazzo per visitare il cuore antico del borgo. Ritorno a Messina alle 20.33.

Ed ancora domenica 22 appuntamento con’ Il treno dei formaggi e dei prodotti degli iblei’ da Ragusa a Scicli e Donnalucata.
Partenza alle 9 dalla stazione di Ragusa. Prima tappa a Scicli dove a Palazzo Spadaro si svolgerà il laboratorio del gusto, con la preparazione di pietanze a base di fagiolo Cosaruciaru di Scicli e cipolla di Giarratana, e assaggi di formaggio ragusano.

Nel pomeriggio transfer a Donnalucata per visitare la Marinella del commissario Montalbano. Ritorno a Ragusa è alle 18.16. Sempre domenica da Palermo a Carini e Scopello viaggerà ‘Il treno delle verdure selvatiche e sapori di tonnara’. Partenza in bus da Palermo Notarbartolo alle 8.15, con il treno storico che partirà da Isola delle Femmine alle 8.50 e fermata a Carini per la visita del castello. Il laboratorio del Gusto Slow Food Sicilia avrà come protagonisti il mandarino tardivo di Ciaculli e la susina bianca di Monreale. Fermata a Castellammare del Golfo per una visita al castello arabo-normanno a cura dell’Associazione Kernos.

Nel pomeriggio in bus verso la riserva dello Zingaro per un’escursione Rientro a Palermo alle 20.15. ‘I Treni storici del gusto’ sono promossi dall’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo con il programma realizzato in collaborazione con Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.