Trenitalia aumenta il costo dei biglietti, il Cars non ci sta :ilSicilia.it

CHIESTO UN MAGGIORE COINVOLGIMENTO DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI

Trenitalia aumenta il costo dei biglietti, il Cars non ci sta

5 Gennaio 2020

Gianfranco Gentile, portavoce del Cars, (Comitato Amministratori Regione Sicilia) si schiera contro l’aumento del costo dei tagliando, operato da Trenitalia, chiedendo un maggiore coinvolgimento delle amministrazioni comunali locali.

Con l’avvento del nuovo anno, Trenitalia ha decretato un aumento del 10% di biglietti e abbonamenti settimanali, mensili e annuali. Un rincaro previsto dal contratto di servizio firmato due anni fa e di durata decennale“.

Gianfranco Gentile, portavoce CARSSiamo assolutamente contrariati, per tale situazione che genererà molti fastidi a chi, per ragioni lavorative e di studio, deve muoversi in tutto il territorio regionale e dovrà affrontare un considerevole aumento dei costi dei biglietti ed abbonamenti – evidenzia il Cars-. Abbiamo chiesto ai vertici dell’Assessorato Regionale Infrastrutture, guidato dall’assessore Falcone, di organizzare un incontro con la presenza dei funzionari di Trenitalia per discutere di tale problematica“.

Siamo consapevoli che, a fronte di servizi più efficienti e di mezzi di locomozione nuovi, debbano necessariamente esserci dei ritocchi sul costo dei biglietti – sottolinea il Cars -, ma appare doveroso da parte nostra rilevare che, nonostante tutto, vi sono costanti ritardi”.

Oltretutto, riteniamo che bisogna prevedere, in ogni caso, delle tariffe agevolate per chi si deve spostare in treno per ragioni di studio, lavoro o per motivi di salute“.

Pertanto, come abbiamo già fatto recentemente con altre importanti argomentazioni, riteniamo che anche queste tematiche debbano essere discusse e sottoposte all’attenzione degli amministratori locali siciliani insieme agli uffici di competenza, posto che si tratta di questioni care anche alle comunità che rappresentiamo“, chiosa il direttivo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.