Tribunale tedesco su Falcone e Borsellino, Donato (Lega): "Fortissima indignazione, intervengano le autorità" :ilSicilia.it

La nota dell'europarlamentare

Tribunale tedesco su Falcone e Borsellino, Donato (Lega): “Fortissima indignazione, intervengano le autorità”

di
4 Dicembre 2020

L’Europarlamentare della Lega Francesca Donato ha espresso tutto il suo disappunto per la vicenda della sentenza emanata in Germania che consente di utilizzare il nome di Falcone e Borsellino ad una Pizzeria a Francoforte sul Meno.

La notizia che un tribunale tedesco abbia negato ogni tutela all’onore del nome dei due più grandi eroi della storia della lotta alla mafia, come i giudici Falcone e Borsellino, suscita in me un’indignazione fortissima. Il nome dei due indiscussi eroi siciliani dev’essere tutelato da abusi e strumentalizzazioni in tutto il mondo, a iniziare dall’Europa. L’importanza dell’esempio che essi hanno dato all’intera Sicilia, all’Italia e alle future generazioni ha un valore inestimabile, che va difeso e preservato”.

“Mi rivolgo direttamente alle autorità tedesche perché intervengano prontamente per far rimuovere ogni elemento che umili di fatto la memoria dei nostri più cari concittadini, che hanno dato la vita per il bene della comunità. Invito il presidente Conte e il ministro Di Maio a far sentire la voce del nostro Governo in difesa dei nostri valori e dei nostri simboli di legalità, coraggio e libertà”. Così in una nota Francesca Donato, europarlamentare della Lega”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin