12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.34
Palermo

La nuova rubrica de ilSicilia.it

“Trinakria-Angoli segreti”: padre Bucaro svela i misteri del monastero di S. Caterina a Palermo | VIDEO SERVIZIO

7 Luglio 2018

 

Guarda la prima puntata in alto

Trinakria –  Angoli segreti è la nuova rubrica de ilSicilia.it, ideata da Maurizio Scaglione, che racconta una Sicilia mai vista. Storie delle straordinarie bellezze culturali e architettoniche che vengono narrate da coloro che ne conoscono i misteri, i fatti e gli aneddoti più curiosi che solitamente non vengono detti. Sarà un tour in lungo e largo per tutti quei luoghi che sono testimonianza della storia della nostra terra che raccoglie in sé misteri, magie, simbologie e in alcuni casi leggende.

Per questa prima puntata parleremo della chiesa e del monastero di Santa Caterina di Alessandria, una storia lunga sette secoli, una bellezza imponente e maestosa della magnificenza Cinquecentesca di una grande chiesa siciliana, riaperta per la prima volta al pubblico l’anno scorso e immersa, a piazza Bellini, nel cuore del centro storico di Palermo.

santa caterina di alessandrriaA raccontarne gli angoli segreti e le storie inedite Padre Giuseppe Bucaro – direttore beni culturali Arcidiocesi Palermo – che ci ha parlato della simbologia della chiesa partendo dal ricco altare d’argento alle delicate tarsie marmoree che decorano le pareti, dalle statue della sante domenicane in contemplazione a quella di Santa Caterina. Padre Bucaro ha spiegato le abitudini delle suore per comprenderne il vissuto spirituale e il significato religioso delle testimonianze artistiche presenti.

Dalla chiesa si può accedere direttamente al Monastero delle monache di clausura, all’interno del quale, spiega Padre Bucaro “C’è una città organizzata in modo impeccabile, c’è, infatti, tutto quello che serve affinchè la vita sia condotta in maniera ordinata“.

Per la prima volta, da quest’anno, sono state aperte le 15 celle che prospettano sul chiostro. Le stanze erano destinate alle religiose di nobile famiglia. Arredi essenziali, vista sul giardino claustrale, i locali raccontano una vita austera fatta di silenzi e di preghiera.

santa caterinaAltri luoghi del Monastero ancora non sono aperti al pubblico, uno di questi è la cripta all’interno della quale vi sono le sepolture delle suore: “Ma non si tratta di una cripta usata solo per depositare i corpi delle suore defunte – spiega Padre Bucaro – perchè c’è tutta la parte dove il corpo veniva calato e messo per lo spurgo e solo in un secondo momento venivano tumulate. Dentro è possibile ammirare, oltre la bellezza strutturale anche una Madonna che è opera di Antonello Gagini“.

Questa, insieme ad altre stanze segrete e racconti inediti, ve li sveliamo in anteprima, nella speranza che un giorno venga completato il restauro di questa imponente e importante chiesa, di cui è veramente difficile fotografarne la bellezza architettonica e spirituale, che è possibile cogliere solo attraverso il proprio sguardo, accompagnato dalla guida di Padre Bucaro che prende il visitatore per mano conducendolo in un suggestivo viaggio nel tempo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.