Troppa cenere dall'Etna: chiusi gli spazi aerei di Catania e Comiso :ilSicilia.it
Catania

DALLE ORE 18 STOP A TUTTI I VOLI

Troppa cenere dall’Etna: chiusi gli spazi aerei di Catania e Comiso

di
21 Febbraio 2019

A causa dell’abbondante emissione di cenere vulcanica dell’Etna in atmosfera è stata disposta la chiusura dalle ore 18 dello spazio aereo per gli aeroporti di Comiso e Catania.

Lo ha deciso le unità di crisi. Lo rendono noto le società di gestione dell’aeroporto di Catania, SAC, e quella di Comiso, Soaco. Nessun volo potrà quindi partire o atterrare nei due aeroporti. Saranno comunicati ulteriori aggiornamenti solo dopo la prossima riunione dell’Unità di crisi.

«I passeggeri sono pregati di informarsi sullo stato del proprio volo esclusivamente con le compagnie aeree, che decideranno se cancellare i voli o dirottarli su altri aeroporti e sono tenute a comunicare le decisioni ai propri passeggeri. Non verranno dati ulteriori aggiornamenti fino alla prossima riunione dell’Unità di crisi che si terrà domani mattina, venerdì 22 febbraio, alle ore 7:30».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.