Troppe ingombranti a domicilio, Rap costretta a potenziare il servizio :ilSicilia.it
Palermo

Obiettivo: smaltire l'arretrato

Troppe ingombranti a domicilio, Rap costretta a potenziare il servizio

di
6 Ottobre 2017

«Saranno potenziati gli uomini e i mezzi dedicati al servizio di ritiro degli ingombranti a domicilio per diminuire i tempi di attesa sul sistema di prelevamento». Lo rende noto l’Azienda di Igiene ambientale di Palermo che sta riorganizzando “step by step” i servizi di igiene ambientale seguendo le precise linee guida impartite dal sindaco sulle priorità e gli obiettivi da raggiungere in tempi brevi sul campo dell’igiene ambientale e del decoro cittadino.

«Da oggi in campo – si legge in una nota del Comune – per iniziare a smaltire l’arretrato sul servizio a domicilio, 12 operai e 6 autocarri a pianale con sponda caricatrice. Al fine di disincentivare l’abbandono su strada è stato tolto il limite sulle postazioni mobili dislocate nelle 8 Circoscrizioni (rimane invece il limite di 5 per la richiesta a domicilio)».

Per quanto concerne le discariche su strada che hanno messo nei mesi scorsi la RAP in difficoltà, provocando rallentamenti sugli altri servizi, portando ad aumentare il tempo di attesa per il servizio a  domicilio, sono state previste 4 squadre con il supporto di 4 autocarri con cassone scarrabile, una e gru con benna a polpo e da lunedì, a supporto per bonificare aree trasformate in discarica, in campo altri 4 operai trasferiti temporaneamente da altre sedi muniti, con al seguito una pala.

L’obiettivo è il potenziamento, nei prossimi 3 mesi, di tutte le attività concernenti la gestione degli ingombranti tra cui anche il prolungamento dell’orario di conferimento della postazione mobile di piazzale John Lennon (ex Giotto).

“A supporto delle attività per sensibilizzare i cittadini al rispetto dell’ambiente –  fanno sapere il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il vicesindaco Sergio Marino – saranno previsti su più fronti attività di educazione ambientale, comunicazione e sensibilizzazione”.

In sinergia lavoreranno il laboratorio di educazione ambientale comunale, Arpa Sicilia Infea con la Rap (settore comunicazione). L’azienda ha già intensificato le attività di rimozione dei rifiuti ingombranti abbandonati. Solo a settembre, infatti, ha rimosso su strada 17.912 pezzi e in totale, compreso postazioni mobili e ritiro domiciliare,  ha prelevato 39.826 pezzi. Per contrastare i comportamenti illeciti anche a salvaguardia del decoro urbano in campo l’azione sinergia della Polizia Municipale.

Si ricorda che si potrà chiedere il ritiro degli ingombranti presso il proprio domicilio tramite il numero verde della Rap 800237713 o  utilizzando l’App scaricabile da telefonino: “Rap Palermo” .

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.