"Troppi eventi al Teatro di Taormina", il sindaco scrive a Musumeci :ilSicilia.it
Taormina

Bolognari lancia l'allarme

“Troppi eventi al Teatro di Taormina”, il sindaco scrive a Musumeci

di
10 Agosto 2018

Il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, ha inviato al presidente della Regione, Nello Musumeci, una nota per evidenziare la situazione a dir poco preoccupante del Teatro Antico, anche in questa estate “invaso” da tanti spettacoli e troppe serate che mettono sotto stress la città (ben 52) portando un enorme carico di presenze in una Taormina già piena di turisti. Bolognari invita Musumeci a Taormina e chiede un confronto per arrivare ad una soluzione condivisa che possa risolvere l’emergenza e che scongiuri il ripetersi della situazione nel 2019.

“Onorevole Presidente – scrive Bolognari – mi farebbe piacere averla ospite a Taormina nella data che lei vorrà scegliere. Intendo qui invece rappresentarle un problema, che va affrontato subito, senza attendere la ripresa autunnale. Si tratta dell’uso del Teatro Antico. Da alcuni anni si è creata una procedura di distribuzione delle date di realizzazione degli spettacoli che ha portato quest’anno a una esagerata quantità di serate interessate: più di 50.

Oltre allo stress subito dal monumento, che non è di mia competenza, l’intera città sta subendo un carico di visitatori, veicoli e operatori a vario titolo incompatibile con le nostre strutture e i nostri mezzi. In un periodo di grande afflusso di turisti si aggiunge un ulteriore carico di spettatori, i quali solo raramente alloggiano in alberghi del posto. Taormina non può sopportare questo carico e chiede con fermezza che il 2019 venga programmato su principi e con criteri totalmente diversi”.

“La Città – continua Bolognari – va rispettata, per ciò che è e che può dare. Il cartellone è confuso, incoerente, senza alcuna linea culturale. Spettacoli di musica lirica accanto al cabaret; il cinema diviso in tre differenti contenitori, gestiti da soggetti diversi e addirittura concorrenti; il teatro affondato in un mare di concerti di qualsiasi tipo, senza scelte comprensibili; serate dedicate a premiazioni di tutto, dalla moda al cinema; inutili passerelle di aziende produttrici di beni in cerca di pubblicità, forse incompatibili con il luogo.

Questa improbabile offerta è accompagnata da richieste continue di erogazione di servizi che il Comune dovrebbe, nella assurda pretesa dei privati, erogare gratis, dalla biglietteria agli spazi per la vendita del merchandising, dai parcheggi agli spazi pubblici. Taormina non ha avuto nessun ruolo nella scelta degli spettacoli, e del Teatro Antico, e di conseguenza della Regione, dove sembra che ormai chiunque abbia diritto di entrare per raggiungere i propri scopi economici o commerciali. Tra l’altro, pagando canoni ridicoli, se paragonati al potenziale incasso”.

“Chiedo – evidenzia il sindaco – che nel 2019 sia ridotta la quantità assoluta di serate affidate ai privati, magari dando maggiore responsabilità alla Fondazione TaoArte Sicilia, e che sia elevata la qualità degli spettacoli, con criteri di selezione più rigorosi e culturalmente motivati. La Fondazione potrebbe forse garantire questo aspetto. La Prefettura e le Forze dell’ordine conoscono le carenze di personale della Polizia Municipale di Taormina, che consentono quest’anno di dare risposte adeguate ai problemi della viabilità nelle serate degli spettacoli; sono anche a conoscenza della mia intenzione di impedire nel 2019 l’ingresso di più veicoli di quelli che le nostre infrastrutture possono accogliere”. “Abbiamo il dovere – conclude il sindaco – di tutelare i turisti che fruiscono delle strutture ricettive locali e delle aziende di ristorazione che lavorano per incrementare il reddito e difendere l’occupazione. In mancanza di risposte positive da parte dei responsabili della programmazione degli spettacoli nella stagione 2019, il Comune sarà costretto ad assumere unilaterali decisioni, drastiche e sicuramente criticabili, ma necessarie per impedire il ripetersi di esperienze negative. La prego di sposare questo nostro appello alla ragionevolezza e affermare principi di ordine e decoro per salvare l’immagine della capitale del turismo siciliano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin