"Troppi eventi al Teatro di Taormina", il sindaco scrive a Musumeci :ilSicilia.it
Taormina

Bolognari lancia l'allarme

“Troppi eventi al Teatro di Taormina”, il sindaco scrive a Musumeci

di
10 Agosto 2018

Il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, ha inviato al presidente della Regione, Nello Musumeci, una nota per evidenziare la situazione a dir poco preoccupante del Teatro Antico, anche in questa estate “invaso” da tanti spettacoli e troppe serate che mettono sotto stress la città (ben 52) portando un enorme carico di presenze in una Taormina già piena di turisti. Bolognari invita Musumeci a Taormina e chiede un confronto per arrivare ad una soluzione condivisa che possa risolvere l’emergenza e che scongiuri il ripetersi della situazione nel 2019.

“Onorevole Presidente – scrive Bolognari – mi farebbe piacere averla ospite a Taormina nella data che lei vorrà scegliere. Intendo qui invece rappresentarle un problema, che va affrontato subito, senza attendere la ripresa autunnale. Si tratta dell’uso del Teatro Antico. Da alcuni anni si è creata una procedura di distribuzione delle date di realizzazione degli spettacoli che ha portato quest’anno a una esagerata quantità di serate interessate: più di 50.

Oltre allo stress subito dal monumento, che non è di mia competenza, l’intera città sta subendo un carico di visitatori, veicoli e operatori a vario titolo incompatibile con le nostre strutture e i nostri mezzi. In un periodo di grande afflusso di turisti si aggiunge un ulteriore carico di spettatori, i quali solo raramente alloggiano in alberghi del posto. Taormina non può sopportare questo carico e chiede con fermezza che il 2019 venga programmato su principi e con criteri totalmente diversi”.

“La Città – continua Bolognari – va rispettata, per ciò che è e che può dare. Il cartellone è confuso, incoerente, senza alcuna linea culturale. Spettacoli di musica lirica accanto al cabaret; il cinema diviso in tre differenti contenitori, gestiti da soggetti diversi e addirittura concorrenti; il teatro affondato in un mare di concerti di qualsiasi tipo, senza scelte comprensibili; serate dedicate a premiazioni di tutto, dalla moda al cinema; inutili passerelle di aziende produttrici di beni in cerca di pubblicità, forse incompatibili con il luogo.

Questa improbabile offerta è accompagnata da richieste continue di erogazione di servizi che il Comune dovrebbe, nella assurda pretesa dei privati, erogare gratis, dalla biglietteria agli spazi per la vendita del merchandising, dai parcheggi agli spazi pubblici. Taormina non ha avuto nessun ruolo nella scelta degli spettacoli, e del Teatro Antico, e di conseguenza della Regione, dove sembra che ormai chiunque abbia diritto di entrare per raggiungere i propri scopi economici o commerciali. Tra l’altro, pagando canoni ridicoli, se paragonati al potenziale incasso”.

“Chiedo – evidenzia il sindaco – che nel 2019 sia ridotta la quantità assoluta di serate affidate ai privati, magari dando maggiore responsabilità alla Fondazione TaoArte Sicilia, e che sia elevata la qualità degli spettacoli, con criteri di selezione più rigorosi e culturalmente motivati. La Fondazione potrebbe forse garantire questo aspetto. La Prefettura e le Forze dell’ordine conoscono le carenze di personale della Polizia Municipale di Taormina, che consentono quest’anno di dare risposte adeguate ai problemi della viabilità nelle serate degli spettacoli; sono anche a conoscenza della mia intenzione di impedire nel 2019 l’ingresso di più veicoli di quelli che le nostre infrastrutture possono accogliere”. “Abbiamo il dovere – conclude il sindaco – di tutelare i turisti che fruiscono delle strutture ricettive locali e delle aziende di ristorazione che lavorano per incrementare il reddito e difendere l’occupazione. In mancanza di risposte positive da parte dei responsabili della programmazione degli spettacoli nella stagione 2019, il Comune sarà costretto ad assumere unilaterali decisioni, drastiche e sicuramente criticabili, ma necessarie per impedire il ripetersi di esperienze negative. La prego di sposare questo nostro appello alla ragionevolezza e affermare principi di ordine e decoro per salvare l’immagine della capitale del turismo siciliano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.