Troppi ghiri sui Nebrodi, coltivatori di Ucria occupano il comune :ilSicilia.it
Messina

A RISCHIO LA CORICOLTURA DEI NEBRODI

Troppi ghiri sui Nebrodi, coltivatori di Ucria occupano il comune

6 Agosto 2019

Continua la protesta degli agricoltori di Ucria (ME) per difendere i loro noccioleti e, più in generale, per salvaguardare il comparto agricolo del territorio dei Nebrodi. A supportare le richieste del comitato spontaneo di cittadini, che negli scorsi giorni aveva dato il via ad una serie di “accuse” formali contro le istituzioni regionali per i danni causati dai roditori, scende in campo in prima persona il consiglio comunale.

A margine dell’ultimo incontro civico, il sindaco Enzo Crisà, il vicesindaco Rino Marzullo, la giunta e tutti i consiglieri – ad eccezione del capogruppo di minoranza Giuseppe Lembo – hanno comunicato che, insieme ai componenti del comitato, occuperanno l’aula consiliare ad oltranza.

ghiri coricolturaLa protesta del comitato – a detta dei manifestanti –  andrà avanti fin quando il governatore della Regione Siciliana, Nello Musumeci, non si recherà personalmente ad Ucria per affrontare con coltivatori e amministratori locali la pesante criticità legata all’esponenziale crescita demografica dei ghiri.

La Regione è chiamata in causa sulla questione in quanto i ghiri sono specie protetta ed è compito della Regione determinare i tempi, i modi e gli strumenti per il controllo della popolazione. Un appello più volte riproposto dai coltivatori ucriesi ma caduto per anni nel vuoto, nonostante manifestazioni pubbliche come quelle di Vittoria e Niscemi che hanno visto la massiccia partecipazione della popolazione, supportata dal leader dei Forconi Mariano Ferro.

Il comitato chiede il risarcimento per i danni economici subiti per la perdita dei raccolti e minaccia di spostare la manifestazione davanti Palazzo dei Normanni. Oltre alla formale denuncia presentata ai Carabinieri dagli agricoltori del settore dei noccioleti dove si racconta di centinaia di migliaia di euro andati in fumo per i mancati raccolti degli ultimi 8 anni, ora l’azione si fa più serrata, richiamando anche amministratori ed operatori del comparto agricolo dei comuni limitrofi, affinché si uniscano al sit-in. Aula consiliare occupata già dalle 19:45 del 5 agosto, tra gli applausi dei cittadini.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.