"Troppo lievi le sanzioni al Frosinone", i giudici del Coni riaccendono le speranze del Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Sulla finale dei playoff

“Troppo lievi le sanzioni al Frosinone”, i giudici del Coni riaccendono le speranze del Palermo

di
11 Agosto 2018

 

Nuove speranze per il Palermo. Il team di avvocati del club rosanero formato da Francesco Pantaleone, Gaetano Terracchio e Francesca Trinchera è impegnato sul fronte del ricorso per i fatti di Frosinone. Quel vergognoso e antisportivo lancio di palloni in campo non è passato inosservato (VIDEO IN ALTO).

Ieri infatti, il Collegio di Garanzia dello Sport del CONI ha chiesto la “riformulazione delle sanzioni a carico del Frosinone in merito alla gara di ritorno dei play off di Serie B contro il Palermo”. È l’effetto della sentenza emessa dal Collegio, presieduto da Mario Sanino, che ieri ha discusso l’istanza presentata dal club siciliano, rigettando la parte di ricorso in cui si chiedeva lo 0-3 a tavolino.

I giudici chiedono alla Corte sportiva d’appello della Figc, presieduta da Piero Sandulli, di riunirsi “in diversa composizione” e “ad uniformarsi nella comminatoria della sanzione, al principio di diritto espresso in parte motiva”, “ritenendo – prosegue la nota dei giudici – non coerentemente sanzionata la condotta evidenziata dalla Csa Figc rispetto alla gravità dei fatti per come descritti in decisione”.

La sanzione inflitta dalla Csa al club ciociaro è un’ammenda di 25.000 euro, con l’obbligo di disputare due gare con lo stadio ‘Benito Stirpe’ privo di spettatori a causa del comportamento dei suoi sostenitori.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.