Trovate 7 tartarughe marine morte nella Sicilia orientale: esposto in procura | FOTO :ilSicilia.it
Catania

nel litorale tra Agnone e Catania

Trovate 7 tartarughe marine morte nella Sicilia orientale: esposto in procura | FOTO

di
1 Giugno 2021
Foto facebook
Foto facebook
Foto facebook
Foto facebook
Foto facebook

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Inquietante ritrovamento nella giornata di domenica 30 Maggio nella Sicilia orientale. Nel tratto di spiaggia che si estende per chilometri tra Agnone (Sr) e Vaccarizzo (Ct), sono state trovate sette esemplari di tartarughe marine Caretta Caretta, di cui sei decedute, ed una agonizzante, morta purtroppo poche ore dopo.

Sul posto, dopo la segnalazione ricevuta da una animalista, la Presidente della LAI Guardia Nazionale, Ilaria Fagotto, che recandosi immediatamente sulla spiaggia, in diretta live facebook dal suo profilo ha postato tutte le immagini dell’intervento, e quelle degli animali che si trovavano a distanza di circa 900 mt l’uno dall’altro, lungo tutta la costa.

In loco, con la LAI, è intervenuto subito anche il WWF con la biologa esperta nel settore dott.ssa Oleana Prato e la siracusana Patrizia Maiorca, nota signora degli abissi. Successivamente sono arrivati in spiaggia anche la Guardia Costiera di Augusta, ed la Asp veterinaria di Siracusa, che ha portato via la carcassa di un esemplare deceduto per inviarla all’ Istituto Zooprofilattico, per accertare le cause del decesso.

Le associazioni animaliste hanno fatto partire una richiesta congiunta alla Procura di competenza territoriale per l’ apertura urgente di un indagine sull’accaduto e, per la tutela delle persone, una analisi Arpa delle acque del tratto marino dove sta verificandosi questa rilevante moria di animali,  le cui cause ci auspichiamo emergano al più presto.

Bisogna assolutamente capire che sta succedendo nel litorale tra Agnone e Catania, e cosa ha ucciso tutte queste Caretta Caretta che abbiamo ritrovato agonizzanti o morte oggi, sei in foto, più quella che ha portato via la Asp veterinaria del distretto di Siracusa per farla analizzare all’ Istituto“. A scriverlo è Ilaria Fagotto la quale aggiunge che: “Una cosa è certa, sicuramente la mano dannosa e nefasta dell’essere umano ha colpito ancora…come sempre…”.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.