Truffa, acconti per assunzioni alle poste: tre arresti a Sciacca :ilSicilia.it
Agrigento

l'indagine

Truffa, acconti per assunzioni alle poste: tre arresti a Sciacca

di
8 Aprile 2021

Facevano credere di poter assicurare un’assunzione alle Poste italiane, in cambio di un corrispettivo di 20mila euro. Sei le vittime individuate, tutte della provincia di Palermo, che avevano già versato, quale acconto, in misura diversa, 45 mila euro.

A portare alla luce quella che è stata un’associazione a delinquere finalizzata alle truffe sono state le sezioni di Pg dei carabinieri, della polizia e della guardia di finanza della Procura ddi Sciacca (Ag). A coordinare l’inchiesta sono stati il procuratore Roberta Buzzolani e il sostituto Michele Marrone. Tre le misure cautelari firmate dal gip del tribunale di Sciacca: una in carcere e due ai domiciliari.

In cella è finito un ex dipendente delle Poste. Mentre la moglie dell’ex impiegato e una polacca sono state poste ai domiciliari.

L’ex dipendente delle Poste conosceva determinati meccanismi e arricchiva l’ambientamento del raggiro nei confronti delle vittime con un ufficio di rappresentanza che aveva a Palermo, qualificandosi dirigente sindacale. Stamattina sono stati anche sequestrati dei falsi contratti di assunzione alle Poste che erano tenuti all’interno di cartelline con una denominazione sindacale. Quindi tutto era stato creato per far cadere nella trappola persone che avevano problemi economici determinati dalla mancanza di lavoro. Ed alcune di queste, pur di pagare l’acconto richiesto, si sono perfino indebitate“, ha spiegato il tenente colonnello Roberto Vergato che comanda la compagnia dei carabinieri di Sciacca (Ag).

Le sei vittime avevano versato tranche di 2 mila, 5 mila euro, quale acconto.

Stamattina sono state sequestrate anche delle carte PostaPay – ha aggiunto Vergato – . I soldi venivano trasferiti all’estero. Le donne fungevano da impiegate amministrative all’interno di questo pseudo ufficio di rappresentanza a Palermo”. Le indagini sono durate dallo scorso ottobre a questo mese. Gli episodi focalizzati – ha aggiunto il comandante della compagnia dell’Arma di Sciacca – sono fra ottobre e dicembre 2020. Quindi hanno truffato 6 persone, per 45 mila euro, in 3 mesi. Questo significa che l’organizzazione era molto capace“.

L’adescamento delle vittime, dai 40 ai 60 anni, avveniva nei modi più disparati, ma era forte – visto la “fame” di lavoro – il passaparola”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin