Truffa all'Ue da cinque milioni per le strade poderali, 43 indagati nell'Ennese :ilSicilia.it
Enna

Indagine Ruris della Gdf di Enna

Truffa all’Ue da cinque milioni per le strade poderali, 43 indagati nell’Ennese

20 Febbraio 2019

Beni per 5 milioni di euro sequestrati per equivalente e 43 persone denunciate.

È il bilancio dell’operazione Ruris della Guardia di finanza di Enna sull’utilizzo di finanziamenti comunitari riconducibili al Programma di sviluppo rurale che ha fatto emergere una presunta truffa da 5 milioni di euro all’Unione Europea. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di truffa aggravata, falsità ideologica, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

I finanziamenti comunitari al centro dell’inchiesta della Procura di Enna riguardano per lo più imprenditori agricoli di Nicosia, Gagliano Castelferrato, Villadoro, Nissoria, Leonforte ed Assoro.

Secondo l’accusa si sarebbero appositamente consorziati in Associazioni interpoderali – committenti dei lavori – che dovevano realizzare o rifare strade interpoderali nell’Ennese nell’ambito del Psr Sicilia. Gli imprenditori, sostengono dalla guardia di finanza di Enna, con la complicità delle imprese esecutrici, attraverso false fatturazioni chegonfiavano‘ i costi da un lato avrebbero aumentato le passività d’azienda, con un’evasione fiscale da 2,5 milioni di euro, e dall’altra certificato prestazioni di servizi e cessioni di beni mai avvenute o eseguite in modo non conformi rispetto ai finanziamenti comunitari e nazionali ottenuti.

Nell’ambito dell’operazione Ruris, le Fiamme gialle hanno anche scoperto la costituzione di ‘fondi neri’, configurando anche il reato di autoriciclaggio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona