Truffa centinaia di clienti Enel tramite società fantasma, arrestato :ilSicilia.it
Trapani

NEI GUAI UN 37ENNE DI CASTELVETRANO

Truffa centinaia di clienti Enel tramite società fantasma, arrestato

di
9 Luglio 2020

Un 37enne di Castelvetrano è stato arrestato dai carabinieri, poiché destinatario di un’ordine di carcerazione della procura di Milano. L’uomo doveva espiare una condanna a 4 anni e 8 mesi per truffa e ricettazione.

La condanna per Nicolò Regina è arrivata per una serie di raggiri accertati nel periodo marzo-dicembre 2010.

Gli sfortunati clienti che avrebbero pagato le bollette di energia elettrica, convinti di aver lasciato l’Enel e di essere passati con una società tedesca. I soldi – circa un milione e mezzo – sarebbero però finiti nelle tasche di alcuni truffatori, tra cui Regina.

L’azienda straniera di cui avrebbero raccontato di essere rappresentante in Sicilia non sarebbe infatti mai esistita. Nel processo l’Enel – che avrebbe continuato a fornire energia elettrica a clienti che pagavano invece alla società fantasma – si è costituita parte civile, con l’assistenza dell’avvocato Massimo Motisi.

Il giudice ha disposto che il danno patito dall’azienda venga quantificato in sede civile. L’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dal sostituto Teresa Maligno e durata sei mesi ed era partita dalla denuncia di un imprenditore e poi anche da quella dell’Enel.

Circa 150 persone, soprattutto imprenditori (titolari di bar, ristoranti, centri sportivi piuttosto noti in città) ed artigiani, sarebbero cascati nella trappola. Tutti sarebbero stati contattati da una fantomatica azienda tedesca che avrebbe proposto loro di cambiare gestore per ottenere una riduzione del 30 per cento dei costi della bolletta elettrica.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.