Truffa cimitero di Erice, processo rinviato a marzo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Trapani

22 cittadini pagarono 60mila euro per acquistare loculi e tumulare salme

Truffa cimitero di Erice, processo rinviato a marzo

di
5 Dicembre 2016

Slitta al 13 marzo il processo previsto per oggi a carico di Alessandro Baiata e Vincenzo Scaduto per truffa aggravata ai danni di 22 cittadini identificati parti offese; i due si troveranno dinanzi al giudice tra poco più di tre mesi.

La citazione diretta in giudizio era stata decisa dal pubblico ministero della procura di Trapani, Franco Belvisi secondo cui i reati sarebbero stati commessi tra il gennaio 2011 e il gennaio 2015.

Su Baita pende anche l’accusa di appropriazione indebita. Risalendo la china, i fatti portano a quando i due raggirarono ventidue comuni cittadini che pagarono un totale di 60mila euro per acquistare loculi e tumulare salme nel cimiterio di Erice ed ora sono pronte a costituirsi parte lesa chiedendo il risarcimento dei danni davanti al Giudice monocratico trapanese Franco Messina. La somma sarebbe stata dovuta versare alla Cimer, società incaricata della costruzione e gestione del nuovo cimitero comunale, di cui Baita è dipendente.

Alla luce degli atti di indagine stiamo valutando se chiamare a processo la stessa Cimer srl per non aver vigilato correttamente sull’operato del proprio dipendente Baiata, pur avendone l’obbligo essendo stata incaricata dal Comune di Erice di gestire la costruzione dei nuovi loculi”.

Questo è quanto dichiarano gli avvocati Giuseppe De Luca e Vincenzo Maltese che assistono alcuni cittadini; lo stesso procedimento che depositerà l’associazione a difesa dei diritti dei cittadini Codici tramite gli avvocati Mario Campione e Filippo Spanò.

Sarebbe stato addirittura accertato che una intera cappella gentilizia, di 15 loculi, è stata venduta per circa 18 mila euro. La Cimer è risultata ignara di quanto accadeva, così come il Comune di Erice.

Ad ottobre scorso i Carabinieri ed il Corpo Forestale avevano sequestrato due aree del Cimitero comunale di Erice in seguito al ritrovamento di ossa, teschi e urne in un terreno adiacente al camposanto della Vetta dove attualmente sono in corso lavori per la realizzazione di un nuovo padiglione per le sepolture.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.