Truffa con fondi europei: ventidue coinvolti, sequestro al Consorzio Agrario di Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

operazione "Vinegar" della Finanza

Truffa con fondi europei: ventidue coinvolti, sequestro al Consorzio Agrario di Palermo

di
5 Luglio 2019

Sono 22 le persone denunciate dalla Guardia di Finanza, nell’ambito dell’operazione Vinegar coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo su una truffa riguardante l’ottenimento di finanziamenti europei concessi dall’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari della Regione Siciliana.

L’idea che sarebbe stata finanziata con fondi europei era quella del Consorzio Agrario di Palermo di dar vita a un aceto siciliano (“Aceto Salutistico Siciliano”) e a un prototipo di generatore di energia elettrica (Andromeda) alimentato ad olio vegetale. Secondo i magistrati che coordinano l’inchiesta, invece, questo sarebbe stato soltanto un paravento per truffare l’Ue ed evadere il Fisco.

E così, i finanzieri del nucleo di polizia economico – finanziaria hanno eseguito un provvedimento di sequestro del Gip di circa 450mila euro nei confronti del Consorzio Agrario di Palermo Scarl. Ammonterebbero 300 mila euro i fondi comunitari ottenuti per un progetto mai realizzato, ma ci sarebbe anche la maxi evasione. I due progetti erano stati finanziati nell’ambito del Programma di sviluppo rurale (PSR) Sicilia 2007/2013, per un totale di oltre 1 milione e 600 mila euro.

Il provvedimento riguarda anche il suo ex rappresentante legale G.T., residente a Palermo, e altre società e persone fisiche che sarebbero coinvolte, a vario titolo, nella truffa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.