Truffa dei pannoloni a Palermo: condannati due funzionari dell'Asp :ilSicilia.it
Palermo

la sentenza

Truffa dei pannoloni a Palermo: condannati due funzionari dell’Asp

di
12 Dicembre 2019

La truffa dei pannoloni arriva ad una sentenza del Tribunale di Palermo. Sono stati condannati il funzionario dell’Asp e un faccendiere. Assolti tutti i farmacisti. Pietro Li Sacchi e Giuseppe Villano sono stati condannati a cinque anni e quattro mesi ciascuno di carcere. Gli assolti sono Giuseppe Pepe, Gaetano Sirchia, Diego Genovese, Giuseppe Villano.

Gli imputati erano accusati di truffa in concorso e di avere falsificato una sfilza di pratiche accedendo in maniera illecita al sistema informatico dell’Asp. Il tutto fatto chiaramente per incassare i rimborsi dell’Azienda Sanitaria Provinciale.

Sacchi era funzionario dell’Ufficio H del Dipartimento di riabilitazione con sede all’interno dell’ospedale Guadagna mentre Vallino era una sorta di faccendiere.

La procedura era piuttosto semplice: il paziente, la cui incontinenza era stata accertata da una visita specialistica, presentava la documentazione all’Asp che lo registrava in una banca dati. Quindi, lo autorizzava a presentarsi in farmacia per ritirare i pannoloni. Stessa cosa avveniva per i diabetici, affetti anche da celiachia e dunque impossibilitati a mangiare cibi che contengono glutine.

Li Sacchi sarebbe entrato nel sistema informatico per creare delle false identità di pazienti. Molti documenti sarebbero risultati falsificati, a volte appartenevano a persone morte da tempo, oppure a gente emigrata. Alcune pratiche erano intestate ad ignari anziani che, convocati dagli investigatori, dissero di non soffrire di incontinenza e di non avere mai fatto richiesta per ottenere i pannolini. Eppure risultava che li avessero ritirati in farmacia.

Le microspie e le telecamere piazzate dai carabinieri nell’ufficio di Li Sacchi, in via Giorgio Arcoleo, filmarono gli incontri del funzionario con Vallino al quale consegnava blocchi di autorizzazioni falsificate che poi questi avrebbe girato ai farmacisti. Farmacisti che si sono sempre difesi. “Erano ignari di tutto”, hanno sostenuto gli avvocati Carolina Varchi, Michele Gallo, Fabrizio Biondo e Rosa Garofalo. Era esclusivamente dentro l’Asp che si sarebbe annidato il malaffare.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.