Truffa delle ambulanze a Palermo: quattro arresti, sigilli a una onlus | ilSicilia.it :ilSicilia.it

operazione della guardia di finanza

Truffa delle ambulanze a Palermo: quattro arresti, sigilli a una onlus

di
30 Aprile 2020

Avrebbero svolto servizi di trasporto dei pazienti per conto della Asp attraverso una Onlus, ma sono stati arrestati con l’accusa di frode e truffa. La Guardia di Finanza di Palermo ha eseguito un’ordinanza di misure cautelari emessa dal gip del Tribunale nei confronti di cinque persone che ruotavano attorno alla onlus Cuore Giovane di Monreale (Pa).

Ai domiciliari sono finiti i coniugi Giuseppe Sammartino, 53 anni, dipendente della Seus, società che gestisce il 118, la moglie Maria Lunetta, 42 anni, Gaspare Consiglio, 47 anni e Calogero Alaimo, 58 anni, infermiere dell’Asp di Caltanissetta. Obbligo di dimora per Gennaro D’Errigo, 50 anni,dipendente Seus. Sammartino, Lunetta e Alaimo sono accusati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e
frode in pubbliche forniture. Alaimo e D’Errigo per falso. Il gip ha anche disposto il sequestro preventivo della onlus Cuore Giovane e di oltre un milione di euro.

L’associazione per conto dell’Asp di Palermo svolge il servizio di trasporti emodializzati e, per conto della Seus il servizio di emergenza-urgenza 118 quando, a giudizio della centrale operativa, i mezzi di soccorso non sono sufficienti.

“L’associazione Cuore giovane – dicono i finanzieri – è stata  gestita con scopo di lucro, perseguendo gli interessi privati degli amministratori, in contrasto con le norme cosiddetto terzo settore e camuffando gli stipendi elargiti ai ‘volontari’, in realtà dipendenti come rimborsi”.

Sempre secondo gli investigatori durante la stipula e rinnovo delle convenzioni con l’Asp, gli indagati hanno prodotto falsi attestati relativi alla partecipazione degli autisti soccorritori e barellieri a corsi formalmente rilasciati da associazioni abilitate, ma di fatto auto-procurati con la complicità di Alaimo infermiere dell’Asp di Caltanissetta e D’Errigo, dipendente della Seus. Grazie alle false attestazioni di requisiti la Cuore Giovane Onlus ha potuto accedere alle convenzioni pubbliche, frodando sia l’Asp che la Seus, che le avevano affidato i servizi e ottenendo ingenti fondi pubblici a fronte di servizi resi in assenza dei requisiti richiesti. Il gip ha nominato anche un custode giudiziario.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.