Truffa: rubavano dati personali e soldi clonando la linea telefonica. Indagati anche in Sicilia :ilSicilia.it

bottino da 120 mila euro

Truffa: rubavano dati personali e soldi clonando la linea telefonica. Indagati anche in Sicilia

di
2 Dicembre 2019

Col sistema ‘Sim swap fraud’, ovvero la clonazione di una linea telefonica, acquisivano dati personali dell’utente che permetteva loro di interagire con istituti di credito o pubbliche amministrazioni per truffare le vittima.

E’ la tecnica adoperata da una banda, con base in Sicilia ma operativa anche nel centro Italia, che avrebbe complessivamente sottratto circa 120mila euro, scoperta dai carabinieri del comando provinciale di Catania.

Nei confronti di 21 indagati la Procura distrettuale etnea ha emesso un avviso di conclusione indagini che, a vario titolo, ipotizza i reati di associazione per delinquere, frodi, truffe online, sostituzione di persona, ricettazione e riciclaggio di ingenti somme di denaro, indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e pagamento.

Il provvedimento è stato notificato nelle province di Catania e Roma. Le indagini sono state avviate dopo la denuncia di un commerciante catanese che aveva visto scomparire tutti i 9.000 euro che aveva nella propria postepay.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.