"Tu ci chiudi tu ci paghi": ancora proteste dei commercianti a Palermo contro il Dpcm | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

“Tu ci chiudi tu ci paghi”: ancora proteste dei commercianti a Palermo contro il Dpcm | VIDEO

di
28 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un centinaio di cittadini hanno protestato ai Quattro Canti, in pieno centro a Palermo, urlando “Tu ci chiudi tu ci paghi. Dove sono Musumeci e Orlando? Non ce la facciamo più”.  

La manifestazione, organizzata nel capoluogo siciliano, è la seconda della giornata. Il corteo si è mosso distintamente rispetto a quello di piazza Indipendenza, anch’esso infatti contro le chiusure previste nel Dpcm per limitare il contagio da coronavirus.

Alle 16:00 si sono radunate di fronte alla presidenza della Regione. Presenti rappresentanti del popolo delle Partite Iva,  dello Sport, tassisti, giostrai, ristoratori, proprietari di pub, sale bingo, musicisti e gestori di palestre.

I due organizzatori, Eros Di Maio e Luigi Leone, in rappresentanza dei partecipanti alla protesta, sono stati inoltre ricevuti dalla Presidenza della Regione.

In contemporanea, ai Quattro canti, la manifestazione non si svolge con tanta tranquillità. Fumogeni e bombe carta. Un operatore tv della Mediaset è stato ferito. La polizia ha fermato due persone e, in tenuta antisommossa, sta provvedendo a contenere i più esagitati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin