"Tu ci chiudi, tu ci paghi", domani nuovo corteo di protesta a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

PARTENZA DAI QUATTRO CANTI ALLE 18:00

“Tu ci chiudi, tu ci paghi”, nuovo corteo di protesta a Palermo

di
27 Ottobre 2020

Si allarga il fronte delle proteste a Palermo contro l’ultimo DPCM firmato domenica dal premier Giuseppe Conte.

«Tu ci chiudi, tu ci paghi» – è questo lo slogan che sta accompagnando i vari presidi e cortei in giro per la Sicilia. Il nuovo decreto a firma Conte, infatti, ha imposto la chiusura di tutti i locali alle 18:00.

E proprio quest’ultimi si sono dati un nuovo appuntamento, mercoledì 28 ottobre alle 18:00, ai Quattro Canti (incrocio tra Corso Vittorio Emanuele e Via Maqueda). Da qui gli scioperanti si sposteranno verso Piazza Indipendenza, dove è già stata organizzata una seconda protesta da diverse categorie economiche, fra i quali i centri fitness e benessere, tassisti, giostrai.

IL PASSAPAROLA SUI SOCIAL

Da quando è stata annunciata l’entrata in vigore del nuovo Dpcm, in diverse piazze siciliane è esplosa la rabbia dei lavoratori. Catania, Vittoria, Messina, Siracusa, Pachino, Palermo: queste sono solo alcune delle città in cui, negli scorsi giorni, esercenti, piccoli imprenditori, baristi, ristoratori, titolari dei locali, sono scesi in piazza contro il governo nazionale e regionale.

«La salute prima di tutto. Siamo d’accordo; ma qui se non moriremo di Coronavirus, moriremo di fame. Ci sta bene che si chiuda tutto, se questo serve a contenere la diffusione del virus. Ma prima si approvi una manovra finanziaria che faccia arrivare i soldi immediatamente a chi non potrà più lavorare» – afferma Giovanni Siragusa, giovane palermitano che fino a qualche mese fa lavorava in un bar di famiglia che ha dovuto chiudere battenti definitivamente durante il Lockdown.

Intanto, è proprio il passaparola sui social che sta costituendo l’elemento cardine delle proteste spontanee delle ultime ore.  Su Facebook è apparso un gruppo dal nome: “Tu ci chiudi, Tu ci paghi. La Sicilia non molla. Creato qualche ora fa, il “muro” ha già raggiunto centinaia di iscrizioni. A popolarlo soprattutto esercenti e lavoratori palermitani, che hanno deciso di costruire un vero e proprio fronte comune.

I manifestanti infine si rivolgeranno anche al presidente Musumeci, che nelle ultime ore è apparso in TV e sui giornali, con la volontà di chiedere deroghe al decreto Conte.

IL MANIFESTO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin