"Tu ci chiudi, tu ci paghi", domani nuovo corteo di protesta a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

PARTENZA DAI QUATTRO CANTI ALLE 18:00

“Tu ci chiudi, tu ci paghi”, nuovo corteo di protesta a Palermo

di
27 Ottobre 2020

Si allarga il fronte delle proteste a Palermo contro l’ultimo DPCM firmato domenica dal premier Giuseppe Conte.

«Tu ci chiudi, tu ci paghi» – è questo lo slogan che sta accompagnando i vari presidi e cortei in giro per la Sicilia. Il nuovo decreto a firma Conte, infatti, ha imposto la chiusura di tutti i locali alle 18:00.

E proprio quest’ultimi si sono dati un nuovo appuntamento, mercoledì 28 ottobre alle 18:00, ai Quattro Canti (incrocio tra Corso Vittorio Emanuele e Via Maqueda). Da qui gli scioperanti si sposteranno verso Piazza Indipendenza, dove è già stata organizzata una seconda protesta da diverse categorie economiche, fra i quali i centri fitness e benessere, tassisti, giostrai.

IL PASSAPAROLA SUI SOCIAL

Da quando è stata annunciata l’entrata in vigore del nuovo Dpcm, in diverse piazze siciliane è esplosa la rabbia dei lavoratori. Catania, Vittoria, Messina, Siracusa, Pachino, Palermo: queste sono solo alcune delle città in cui, negli scorsi giorni, esercenti, piccoli imprenditori, baristi, ristoratori, titolari dei locali, sono scesi in piazza contro il governo nazionale e regionale.

«La salute prima di tutto. Siamo d’accordo; ma qui se non moriremo di Coronavirus, moriremo di fame. Ci sta bene che si chiuda tutto, se questo serve a contenere la diffusione del virus. Ma prima si approvi una manovra finanziaria che faccia arrivare i soldi immediatamente a chi non potrà più lavorare» – afferma Giovanni Siragusa, giovane palermitano che fino a qualche mese fa lavorava in un bar di famiglia che ha dovuto chiudere battenti definitivamente durante il Lockdown.

Intanto, è proprio il passaparola sui social che sta costituendo l’elemento cardine delle proteste spontanee delle ultime ore.  Su Facebook è apparso un gruppo dal nome: “Tu ci chiudi, Tu ci paghi. La Sicilia non molla. Creato qualche ora fa, il “muro” ha già raggiunto centinaia di iscrizioni. A popolarlo soprattutto esercenti e lavoratori palermitani, che hanno deciso di costruire un vero e proprio fronte comune.

I manifestanti infine si rivolgeranno anche al presidente Musumeci, che nelle ultime ore è apparso in TV e sui giornali, con la volontà di chiedere deroghe al decreto Conte.

IL MANIFESTO

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin