Tumore alla prostata: Buccheri La Ferla di Palermo tra le eccellenze :ilSicilia.it
Palermo

L'ospedale ha ricevuto per due anni di seguito la certificazione

Tumore alla prostata: Buccheri La Ferla di Palermo tra le eccellenze

di
17 Dicembre 2018

Nel campo delle cure per il tumore alla prostata, l’Ospedale Buccheri La Ferla – Fatebenefratelli di Palermo ha ricevuto, per due anni consecutivi, la certificazione UNI EN ISO 9001:2015 del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale.

Il cosiddetto PDTA consiste nell’assistenza al paziente a 360 gradi, dalla diagnosi al trattamento e all’assistenza nelle fasi più avanzate della malattia. E’ stato reso noto nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta all’ospedale Buccheri La Ferla – Aula Polifunzionale, in via Messina Marine, a Palermo.

Il tassello principale consiste nell’essere partiti dal concetto di multidisciplinarietà, che è alla base della messa a punto del PDTA. Gli specialisti di patologia si riuniscono e, insieme, stabiliscono i protocolli a monte; poi in fase attuativa, gli stessi specialisti si riuniscono per stabilire la terapia personalizzata per ogni singolo paziente“, spiega Nicolò Borsellino, direttore UOC di Oncologia Medica e coordinatore del PDTA del tumore prostatico.

Per il tumore alla prostata – aggiunge Borsellino – le discipline interessate sono l’oncologia medica, l’urologia, la radioterapia, la radiologia, l’anatomia patologica e le cure palliative. Queste ultime, ovviamente, entrano a pieno titolo nelle fase più avanzata di malattia. Tutti settori curati da specialisti del Buccheri La Ferla, ad eccezione della radioterapia esterna, con una convenzione siglata con la Casa di Cura Macchiarella“.

Ivan Fazio, responsabile Radioterapia della Macchiarella, aggiunge: “Oggi la radioterapia negli stadi iniziali della malattia prostatica ha le stesse probabilità di successo terapeutico della chirurgia. La possibilità di utilizzare apparecchiature performanti ci permette di ridurre al minimo gli effetti collaterali, primi far tutti quelli legati alla tossicità”.

E Danilo Di Trapani, direttore UOC di Urologia dell’ospedale Buccheri La Ferla, puntualizza: “Questo PDTA non solo migliora l’approccio globale al paziente, ma favorisce il lavoro di squadra multidisciplinare, che funziona attraverso un dialogo continuo tra le diverse figure mediche“.

Mentre, secondo Fabio Cartabellotta, direttore FF UOC di Medicina Interna, “Questa esperienza nasce da altre aree: da tre anni portiamo avanti la rete HCV Sicilia, che è una best practice per tutta Italia. Quando abbiamo deciso di esportarla al tumore della prostata, la Regione Siciliana è stata ben felice di appoggiare il progetto, tant’è che adesso siamo in procinto di realizzare una serie di centri al vaglio di un tavolo tecnico. Per ora si partirà misurando la capacità di tutti i centri oncologici, radioterapici e urologici che si occupano di prostata, per inserirli poi all’interno della rete che dall’anno prossimo diventerà operativa“.

Soddisfazione per il risultato raggiunto anche da frà Alberto Angeletti, superiore dell’Ospedale Buccheri La Ferla: “Nella storia della Chiesa l’assistenza agli ammalati ha avuto un ruolo speciale. Nell’approccio ‘umanizzato’ ai malati, è necessario valutare non solo il benessere ambientale, ma anche quello del personale che lo assiste. In sintonia con tutto questo, il rinnovo al nostro ospedale di questa certificazione per la cura del carcinoma prostatico, è un elemento ulteriore di qualità sanitaria umanizzante“.

Il Buccheri La Ferla, nel 2017, rispetto all’anno precedente, ha avuto un incremento del 25 per cento dei ricoveri ed i pazienti, oltre che provenire dal quartiere Brancaccio, dove insiste l’ospedale, provengono anche da altri quartieri di Palermo e da altre zone della Sicilia, soprattutto dal Trapanese e dall’Agrigentino. In Sicilia, è stato sottolineato nel corso della conferenza stampa, 21 mila uomini convivono con un tumore della prostata, e sono oltre 2.400 le diagnosi ogni anno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.