Tumori: "La Maddalena" centro di eccellenza per le cure palliative del dolore :ilSicilia.it
Palermo

A breve l'apertura dell'hospice con 10 posti letto

Tumori: “La Maddalena” centro di eccellenza per le cure palliative del dolore

di
18 Marzo 2019

Il Dipartimento oncologico “La Maddalena di Palermo è stato riconosciuto dalla Regione Siciliana quale centro di riferimento per il trattamento del dolore e le cure palliative e di supporto in oncologia.

Grazie al decreto firmato dall’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza, la struttura sanitaria è stata inserita nell’elenco dei centri di riferimento regionale per le patologie ad alta specializzazione e di alto interesse sociale e sanitario. In aggiunta sarà attivato a breve un hospice con 10 posti letto, anch’esso in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale.

Si tratta di un riconoscimento importante del lavoro svolto, nell’arco di vent’anni, dall’Unità di Terapia del dolore e cure di supporto, diretta da Sebastiano Mercadante, coadiuvato dagli oncologici Claudio Adile e Patrizia Ferrera, insieme all’anestesista Patrizia Villari, che era stata già indicata come centro di riferimento europeo per l’integrazione tra cure oncologiche e cure di supporto da parte della Società europea di oncologia medica.

La terapia del dolore è orientata ai bisogni dei pazienti in tutte le fasi della malattia, con lo scopo di migliorarne la qualità della vita e offrire un sistema di cure e assistenza contestuale al percorso diagnostico e terapeutico. Da un lato, l’obiettivo è diminuire notevolmente il disagio fisico e psicologico dei pazienti durante i vari stadi della malattia oncologica, anche nella fase terminale quando gli approcci curativi non sono più possibili perché inefficaci. Dall’altro lato, l’equipe medica lavora per apportare il maggiore comfort possibile ai pazienti e ai loro parenti, supportandoli durante tutto l’arco della malattia.

maddalena
Da sinistra: Patrizia Villari, Marcella D’Abbene, Sebastiano Mercadante, Claudio Adile e Patrizia Ferrera

“Quello ottenuto è un riconoscimento che ci riempie di soddisfazione – afferma Mercadante, da anni nella lista dei Top Italian Scientists, i ricercatori italiani con il maggiore impatto nella letteratura internazionale – . Purtroppo, le cure palliative sono ancora poco conosciute e praticate in Italia, noi le applichiamo già da molti anni, anticipandole già durante la fase di trattamento oncologico su pazienti anche curabili, ma che hanno sindromi dolorose. Siamo stati i primi ad introdurre, già vent’anni fa, la rotazione degli oppioidi, alternando le diverse tipologie di farmaci in base all’evoluzione della malattia, migliorando la situazione clinica dei nostri pazienti. Garantiamo, infine, una continuità di cura, grazie anche a due centri di assistenza domiciliare, con l’obiettivo di migliorare la qualità e di offrire ai pazienti un supporto per aiutarli a vivere quanto più attivamente possibile”.

 

LEGGI ANCHE:

Sanità: a La Maddalena un nuovo strumento all’avanguardia per lotta ai tumori

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin