Turismo, Confcommercio Palermo: "Recuperare Monte Pellegrino per Santa Rosalia" :ilSicilia.it
Palermo

La lettera di Patrizia Di Dio

Turismo, Confcommercio Palermo: “Recuperare Monte Pellegrino per Santa Rosalia”

di
3 Settembre 2019

“Vogliamo rendere omaggio a Santa Rosalia nel modo più devoto e rispettoso possibile e cioè promuovendo, per la parte che ci compete, la valorizzazione dei ‘suoi’ luoghi e mettendo in campo tutte le iniziative possibili per favorire anche lo sviluppo di un turismo religioso legato alla Santa patrona di cui Palermo”.

Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, ribadisce l’importanza – anche dal punto di vista produttivo – del patrimonio ambientale di Palermo e alla vigilia della festa di Santa Rosalia, patrona della città, ha inviato una lettera alla Regione siciliana e al Comune di Palermo, sottolineando la necessità di un incontro mirato alla proposizione di iniziative idonee al pieno recupero della bellezza della Riserva naturale orientata Monte Pellegrino che necessita di un profondo maquillage.

“La nostra Federazione si propone come soggetto attivo per favorire la valorizzazione di Monte Pellegrino e del Santuario di Santa Rosalia insieme a tutti i soggetti che ne hanno titolo e competenza, dal momento che assistiamo ad evidente abbandono ovvero rifiuti, incuria, strade parzialmente inibite all’accesso a causa di sterpaglie, o totalmente inaccessibili come la via Monte Ercta. Questo scenario è anche un’occasione mancata per incrementare le presenze turistiche in città, interessate ai percorsi naturalistici e al pellegrinaggio religioso”.

Patrizia Di Dio
Patrizia Di Dio

Crediamo nella città di Palermo e nelle sue bellezze – prosegue -. Occorre fare sistema, vogliamo promuovere sinergie tra settore pubblico e privato che consentano di ripristinare, il più presto possibile, condizioni di normalità a Monte Pellegrino e alla Real Tenuta della Favorita realizzando anche una serie di servizi all’avanguardia adeguati alle esigenze di un turismo sempre più numeroso ed esigente, prevedendo servizi di accoglienza, di assistenza e punti di ristoro che solo una professionale progettualità può garantire”.

“L’idea di valorizzare il percorso turistico religioso – conclude la Di Dio – nasce spontanea sull’esempio di altre realtà famose come Lourdes, Loreto, Assisi o Santiago de Compostela che hanno saputo coniugare la fede e la spiritualità con la produzione di un movimento turistico enorme che ha consentito lo sviluppo dell’economia locale e sempre maggiori investimenti sulla bellezza dei luoghi e la cultura. In provincia di Palermo esiste già l’Itinerarium Rosaliae, un percorso che collega l’Eremo di Santo Stefano di Quisquina al Santuario di Monte Pellegrino, una ‘via sacra’ di 180 km istituita tre anni fa che vogliamo contribuire a rendere più attraente, confortevole e soprattutto ancora più popolare alla enorme massa di turisti che si muove ogni anno su percorsi del genere e che rappresentano una risorsa importante che Palermo non può permettersi di trascurare ancora”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.