Turismo, dopo Berlusconi anche Armao: "Vogliamo un Casinò in Sicilia" :ilSicilia.it
Taormina

Lo ha ribadito oggi all'ARS

Turismo, dopo Berlusconi anche Armao: “Vogliamo un Casinò in Sicilia”

di
7 Agosto 2018

“Pensiamo fra le altre cose all’apertura di Casinò in Sicilia, anche per incentivare la destagionalizzazione del turismo”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, intervenendo oggi nel corso dei lavori d’aula all’Ars. “Si apre una stagione importante, è necessario un ripensamento complessivo dei rapporti Stato-Regione che punti alla piena applicazione degli articoli dello Statuto che riguardano la nostra autonomia finanziaria, perché oggi la Sicilia incassa meno di quello che prevede lo Statuto”.

Forza Italia, MIccichè, Sgarbi, Musumeci, Berlusconi, Armao, centrodestraL’annuncio era già stato ribadito da Silvio Berlusconi (LEGGI QUI) durante l’ultima campagna elettorale per le Regionali 2017: “Vedete Malta? E il suo turismo? – disse il leader di Forza Italia – è dato dal Casinò. Noi con Nello Musumeci abbiamo in mente di realizzarne uno a Taormina per esempio”.

“La Sicilia – ha aggiunto oggi Armao – si sta allontanando progressivamente dal Paese in termini di risorse impiegate sul territorio e di investimenti, per questo occorre intervenire sulle norme finanziarie nei rapporti con lo Stato. Con la delibera approvata lo scorso 15 marzo il governo regionale ha inteso aprire un nuovo negoziato sulla nostra autonomia finanziaria”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La redazione consiglia:

Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.