Turismo in Sicilia, per Federalberghi il bilancio è positivo :ilSicilia.it

L'analisi in vista delle regionali

Turismo in Sicilia, per Federalberghi il bilancio è positivo

di
2 Settembre 2017

Meno di un mese alla chiusura della stagione estiva. Il turismo in Sicilia, ha visto un incremento e ha registrato, per quanto riguarda le destinazione balneari, un trend alquanto positivo.

E’ ciò che emerge dall’analisi fatta dal presidente di Palermo e vice presidente vicario Sicilia di Federalberghi Nicola Farruggio relativa ai soggiorni sul territorio . “La stagione estiva ha decretato che la Sicilia, e soprattutto le sue destinazioni balneari, sono state certamente più degli anni scorsi, le mete preferite sia dagli italiani che dagli stranieri.  – puntualizza Farruggio – Il dato che si è concretizzato ha definito un altro aspetto, ovvero che la nostra isola è stata percepita dai vacanzieri, perché di questo possiamo parlare, come destinazione sicura, affermandosi finalmente anche con un immagine nuova”

Occorre – continua – guardare però anche i numeri e puntare ad attrarre ulteriori flussi nella sempre maggiore consapevolezza che il turismo è bene sociale per ogni comunità, e come tale deve essere tutelato, un patrimonio di cui la Sicilia tutta non può farne a meno.
I circa 16 milioni di presenze sono un numero ancora irrisorio rispetto al potenziale dell’isola e sopratutto rispetto a ciò che fanno altre destinazioni concorrenti”.

Un invito pertanto obbligato – prosegue – è quello che deve essere fatto a tutti gli apparati politici, affinché possano intraprendere su questa base, a vari livelli, nessuno escluso, una nuova stagione di collaborazione e dialogo con gli operatori, imparando ad ascoltare, con la giusta dose di umiltà, coloro che il turismo lo vivono quotidianamente. Un atto significativo e di riconoscimento verso tutti quegli operatori che rischiando in prima persona, contribuiscono prioritariamente a promuovere e valorizzare il territorio, adoperandosi affinché i turisti possano godere sempre di un soggiorno migliore

Non è mancato il riferimento sempre più imminente alle regionali. “Il pensiero – afferma – non può che andare verso un campagna elettorale regionale che al momento pare non fondata su programmi precisi ma viceversa sui nomi.
Non è un fatto di buon auspicio e che rischia di far pensare che al netto del nuovo governatore poco o nulla potrà rischiare di cambiare”.

Se il turismo – conclude Nicola Farruggio – non sarà realmente al centro dei programmi del prossimo governo la nostra competitività con le altre destinazioni del mediterraneo continuerà ad essere immodificata e con essa il sistema imprenditoriale che malgrado il trend positivo continua a vivere in una sofferenza paradossale, fatto che sembra in Sicilia, costituzionalizzato”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.