Turismo, la Regione a Sicindustria: "Il bando See Sicily verrà riaperto" :ilSicilia.it

voucher per promozione degli alberghi

Turismo, la Regione a Sicindustria: “Il bando See Sicily verrà riaperto”

di
28 Novembre 2020

Il bando See Sicily, scaduto lo scorso 12 novembre, per la parte relativa alla promozione degli alberghi attraverso l’emissione dei voucher, verrà riaperto. È quanto annunciato dall’assessore regionale al turismo, Manlio Messina, che in occasione del confronto promosso dalla Sezione Turismo e Nautica di Sicindustria Palermo, guidata da Toti Piscopo, ha preso un doppio impegno con le imprese: riaprire, per l’appunto, i termini di See Sicily e farsi portavoce in Conferenza Stato-Regioni e con il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (Mibact) affinché vengano riaperti i termini anche dell’avviso nazionale per il fondo perduto destinato a tour operator e agenzie di viaggio.

Toti Piscopo
Toti Piscopo

“Come Sicindustria ha evidenziato la scorsa settimana – dice Piscopo – in Sicilia c’è una grossa fetta di microimprese che per dimensioni, organizzazione interna, e le diverse criticità legate all’attuale situazione, non sono state nelle condizioni di concorrere ai bandi, pur avendone i requisiti richiesti. L’impegno della Regione è quindi fondamentale e si inserisce in percorso comune tra pubblico e privato che passa attraverso un confronto serrato e non formale, sinergico e non individualistico, innovativo e non tradizionalista. Ed è in quest’ottica che come Sicindustria mettiamo a disposizione le nostre segreterie di sezione perché diventino per l’assessorato un punto di ascolto privilegiato”.

Piscopo ha inoltre chiesto “certezze di impegni precisi, tempi e regole” e, ricordando Giuseppe Cassarà, già presidente regionale di Federturismo Sicindustria, ha lanciato un appello al presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché, e al parlamento tutto affinché “la legge sul turismo, per cui Cassarà si è battuto fino alla fine, venga messa al centro dell’attività legislativa”.

Una richiesta analoga l’ha quindi rivolta al presidente della Regione, Nello Musumeci, affinché “possa individuare nel turismo la linea guida di un’azione di governo trasversale e incisiva sui diversi assessorati. Un’azione innovativa in grado di valorizzare l’intera filiera turistica ad iniziare dalla ricettività, al sistema distributivo delle AdV e dei TO mettendola a sistema con quell’economia del mare di cui la nautica rappresenta una componente rilevante e quell’economia della terra che vede agricoltura e ruralità quali poli produttivi e di possibili investimenti”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Turismo, Messina: “75 milioni di euro destinati all’acquisto di voucher”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin