23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.55
Messina

Il presidente dell'Ebrts plaude a Pappalardo

Turismo, Mennella: “Sicilia protagonista alla Bit Milano, c’è un cambio di rotta”

12 Febbraio 2019

“La Regione Siciliana ha cambiato strategia e la Bit di Milano ha dato un’importante conferma. L’assessore Pappalardo sta presentando la Sicilia ai mercati internazionali con le opportune proposte di marketing territoriale e con una programmazione puntuale degli eventi. Questo approccio, in prospettiva, potrà dare riscontri positivi”. Così il presidente dell’Ente Bilaterale Regionale del Turismo Siciliano, e presidente dell’Associazione Albergatori Taormina, Italo Mennella, commenta in termini positivi la presenza della Sicilia, con il governatore Nello Musumeci e l’assessore al Turismo, Sandro Pappalardo, alla Borsa Internazionale del Turismo a Milano.

La mia valutazione sulla partecipazione della Sicilia a questa edizione della Bit a Milano è positiva – spiega Mennella – e sono convinto che stia maturando un cambio di rotta, un’inversione di tendenza rispetto alle precedenti esperienze politiche che, in termini concreti, si sono rivelate improduttive per il turismo siciliano. Non è un mistero che io sia sempre stato critico verso le fiere del turismo ed in questo caso Milano è ormai, invece, un vero e proprio workshop, una vetrina che riesce a recepire le dinamiche attuali del turismo e che quindi rappresenta una valida occasione di incontro e confronto per gli operatori del settore. Gli appuntamenti che sono ancora importanti e ai quali ha un senso essere presenti, nel panorama europeo, sono quelli di Milano, Francoforte, Londra, Berlino, Mosca, e ovviamente altrettanta attenzione va data ai mercati orientali e nord-americani. In tal senso Taormina, in qualche modo, dovrebbe cercare di essere presente e fare la propria parte”.

L’assessore Pappalardo sta facendo bene e si è mosso in termini apprezzabili anche a Milano continua Mennella –. Si sta muovendo in un’ottica di marketing territoriale, promuove cioè la destinazione Sicilia, e non vi è dubbio che nonostante le mille problematiche che ben conosciamo, la Sicilia rimane una destinazione molto apprezzata in tutto il mondo. Per determinare una crescita del turismo nel nostro territorio ora è fondamentale dare continuità a questo cambio di passo e agire in una logica di insieme, fare rete e fare sistema. Da soli non si va più da nessuna parte”.

Mennella esprime poi preoccupazione in vista della prossima stagione turistica: “Le contingenze internazionali non sono favorevoli in questo momento e stanno già rallentando i mercati. Ciò potrebbe penalizzare l’andamento della stagione 2019. Al momento i mercati sono fermi e stanno a guardare, teniamo anche conto che l’Africa del Nord sta riaprendo al turismo e attrae flussi turistici che potrebbero, quindi, spostarsi lì. C’è ancora tempo affinché il quadro possa migliorare e noi ci auguriamo che possa esserci un’inversione di tendenza e che arrivino al più presto segnali positivi”.

 

LEGGI ANCHE:

Centinaio, Musumeci e Pappalardo inaugurano lo stand della Sicilia alla Bit

Musumeci serve ‘a pasta cu sucu’ alla Bit | Video

È della Regione siciliana lo spazio più grande alla Bit di Milano | Video

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.