Turista tedesca molestata sul Corso di Taormina: la Polizia ferma uno straniero :ilSicilia.it
Messina

in manette un 35enne senza fissa dimora

Turista tedesca molestata sul Corso di Taormina: la Polizia ferma uno straniero

di
25 Settembre 2018

La Polizia di Stato del Commissariato di Taormina ha fermato un rumeno di 35 anni per il reato di molestie sessuali ai danni di una turista tedesca. I fatti risalgono a domenica scorsa, quando nelle prime ore del pomeriggio la vittima, una ventisettenne tedesca in vacanza in Sicilia, è stata avvicinata all’interno della Villa Comunale di Taormina da un uomo che l’ha molestata ed ha tentato di inseguirla quando la stessa è riuscita a guadagnare l’uscita.

Lunedì mattina, intorno alle 11, la vittima ha incontrato nuovamente l’uomo in centro storico, in Corso Umberto: indossava gli stessi abiti e, riconosciuta la donna, incurante dei numerosi passanti, il 35 enne rumeno ha iniziato ancora una volta a molestare la giovane donna.

Immediato e tempestivo si è rivelato l’intervento dei poliziotti del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza a cui la donna ha chiesto aiuto, sentendosi in pericolo per la presenza dell’uomo che continuava a farne il bersaglio delle sue attenzioni. Grazie all’accurata descrizione fatta dalla cittadina tedesca e ad alcune foto che la stessa era riuscita a scattare in Corso Umberto, l’uomo è stato rintracciato dalla Polizia di Stato del Commissariato di Taormina.

Gli agenti diretti del vicequestore Fabio Ettaro hanno sottoposto il rumeno a fermo di Polizia Giudiziaria. Gravi gli indizi di colpevolezza a carico adesso di G.O., trentacinquenne già noto alle Forze dell’Ordine e senza fissa dimora. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, la Polizia di Taormina ha già proceduto nelle scorse ore al trasferimento dell’arrestato presso la casa circondariale Messina Gazzi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.