Tutela degli animali: in arrivo la ‘Catania dog card’ per favorire le adozioni dai canili :ilSicilia.it
Catania

L'iniziativa del sindaco pogliese

Tutela degli animali: in arrivo la ‘Catania dog card’ per favorire le adozioni dai canili

di
4 Maggio 2021

Una Catania Dog Card per favorire l’adozione degli amici a quattro zampe, ospitati nei canili, con agevolazioni economiche per i servizi assicurativi, l’assistenza veterinaria e l’alimentazione. E’ l’iniziativa che il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore alla Tutela e benessere degli animali, Michele Cristaldi, intendono realizzare per incentivare i proprietari che decidono di adottare un animale temporaneamente affidato al Comune.

A questo scopo l’assessorato agli animali, ha avviato due manifestazioni di interesse rivolte agli operatori dei settori alimentazione per gli animali e servizi assicurativi, pubblicate nella sezione avvisi del sito istituzionale, al fine di promuovere sconti nelle spese necessarie per questi due essenziali servizi.

“Un ulteriore passo in avanti – hanno sottolineato il sindaco Pogliese e l’assessore Cristladi– per rafforzare la rete collaborativa tra l’amministrazione, i cittadini e le aziende finalizzata al benessere degli animali con la graduale eliminazione della necessità dei canili e sostenere la generosità dei cittadini verso gli animali che non hanno padrone. Si parte da un fattivo contributo in termini di agevolazioni economiche, in un periodo gravato dalle difficoltà economiche della pandemia, rivolto a chi decida di adottare animali ospitati da almeno tre mesi nelle strutture convenzionate. In questo modo -hanno aggiunto i primo cittadino a l’assessore al ramo – i cani strappati alla strada, e ricoverati nei canili, troverebbero una famiglia e cure amorevoli e il Comune risparmierebbe sui costi del mantenimento nei canili, che finora hanno gravato per diversi milioni di euro sul bilancio comunale. Un meccanismo che rivendichiamo come ulteriore gesto di attenzione verso i fidati amici dell’uomo, che in poche settimane diverrà realtà”.

Gli avvisi, messi a punto dalla direzione politiche per l’ambiente, con scadenza 14 maggio, sono rivolte alla ricerca di operatori commerciali del settore dell’alimentazione animale disposti a offrire concrete agevolazioni per l’acquisto di prodotti destinati alle necessità dei cani adottati. Dall’altro, alle compagnie assicurative per la stipula di polizze che garantiscano servizi per l’assistenza veterinaria in caso di infortuni o malattie del cane con costi ridotti, per chi preleva un animale dalle strutture convenzionate con il Comune. Il Comune di Catania provvederà a redigere l’elenco degli operatori e delle società assicuratrici che avranno condiviso l’iniziativa unitamente alle prestazioni offerte. Quanti potranno fruire della particolare agevolazione dei costi, saranno muniti di un documento, Catania Dog Card, che sarà rilasciato all’atto dell’adozione, contenente i dati identificativi del cane. Questa ulteriore iniziativa di sostenere i nuovi padroni degli animali, si coniuga alla facilitazione che l’Amministrazione Comunale ha promosso nei mesi scorsi per adottare un cane scegliendolo on line. Adottare un cane randagio a Catania, infatti, è sempre più facile, potendo scegliere il fido dalla carrellata fotografica disponibile on line sul portale del Comune cliccando nell’area Catania Semplice.

Dopo le positive esperienze degli ultimi mesi e il concorso fattivo delle associazioni di volontariato che ha già permesso di ridurre di gran lunga il fenomeno del randagismo a Catania, ora, grazie a un lavoro di coordinamento dell’Amministrazione Pogliese, è anche possibile individuare il cane, sceglierlo in foto e adottarlo in tempi brevissimi, con una semplice procedura digitale messa a punto dall’assessorato alla tutela degli animali retto da Michele Cristaldi e da quello ai sistemi informativi guidato da Alessandro Porto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti