"Tutte le Strade'': l'attore siciliano Palmeri racconta il corto che ha vinto il Festival del cinema di San Vito | VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

aggiudicandosi la Stella d'argento

“Tutte le Strade”: l’attore siciliano Palmeri racconta il corto che ha vinto il Festival del cinema di San Vito | VIDEO

di
15 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Luigi Storti (sceneggiatore) Samuel Di Marzo (regista) Andrea Chiaromonte (produttore)

E’ stato Tutte le Stradead aggiudicarsi la Stella d’argento al Festival nazionale del cinema italiano di San Vito Lo Capo come miglior cortometraggio. A premiarlo è stata una giuria d’eccellenza composta da: Serena Autieri, Paolo Conticini, Donatella Finocchiaro, Chiara Francini, Giusy Buscemi, Christian Marazziti e presieduta da Silvio Orlando.

Il corto del regista Samuel Di Marzo, sceneggiato da Luigi Storti, è un film di giovani realizzato da giovani che vede la partecipazione straordinaria del grande Alessandro Haber.

A raccontarci del cortometraggio e questa vittoria è il protagonista del film interpretato dal siciliano Carlo Palmeri.

 

“Tutte le strade”

Carlo Palmeri

Carlo, di cosa parla il film?

“Tutte le strade” racconta delle nuove generazioni costrette a cercare “altrove ” i loro sogni, ma, non per questo, bisogna cercare questi sogni nei posti sbagliati. Oltre a mostrare quello che vivono le nuove generazioni, porta a far riflettere i ragazzi sul fatto che il lavoro dà la possibilità di essere dignitosi verso la propria persona e verso gli altri e che deve essere svolto con onestà“.

Quanto ti rispecchia il protagonista e la sua storia visto che anche tu da Alcamo sei partito per Roma per trovare la tua strada?

Molto. Lui, come me, ha lasciato tutto per andata a vivere in una città come Roma. Città gigante che all’inizio ti fa sentire piccolissimo, quasi ti sovrasta e devi combattere per poterci vivere all’interno. Ma mi rispecchia soprattutto nei modi di fare e nella voglia che lui ha di risollevare gli animi e di migliorare le altre persone portandole in alto, anche a rischio della propria vita“.

Cosa hai provato a vincere nella tua terra?

Finito il corto ci ha contattato la Premiere Film perché voleva distribuirlo. Siamo stati subito entusiasti perché sapevamo di avere a che fare con una casa di distribuzione veramente importante. “Tutte le strade”, infatti, sta girando il mondo, facendoci vincere tanti altri festival, anche internazionali.

Ma vincere a San Vito non me lo sarei mai aspettato… è stata una grande soddisfazione. È grazie alle mia terra e alla mia famiglia che sono la persona e l’attore che son diventato. Le emozioni che io posso portare, e che quindi ritornano nella mia terra, per me è una cosa meravigliosa”.

Momenti più belli di quando hai girato il film?

“Sono stati tanti, ma credo che è stato vivere nella stessa casa tutti insieme, perché vicina al set, ci ha permesso di lavorare in simbiosi con tutto il team. Ci ha permesso di far diventare grande questo progetto”.

Alessandro Haber

Com’è stato lavorare con Alessandro Haber

E’ stato fantastico! Una persona splendida e divertentissima. Lui è arrivato con umiltà, con una passione e con una voglia di lavorare  incredibile. Ha avuto tante soddisfazioni nella sua carriera, ma, nonostante ciò, si fa in mille per gli altri. Con noi giovani ha cercato di trasmetterci tutto il suo sapere sempre con grande umiltà. Da qui si vede la grandezza di un attore perché non è facile regalare e donare tutte queste cose, forse anche perché è una grande responsabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.