Tutti contro tutti. I nervi saldi che mancano alla politica fanno solo confusione :ilSicilia.it

Il caos della politica nazionale

Tutti contro tutti. I nervi saldi che mancano alla politica fanno solo confusione

29 Maggio 2018

O con il presidente della Repubblica o contro. Il leit motiv delle ultime ore della politica italiana, che sta finendo di inquinare il web e i social, si è articolato con i suoi riflessi anche di sit-in e manifestazioni (pro Mattarella) in Sicilia, e ha mandato in scena un’immagine, se possibile, ancora più confusa, riduttiva e grossolana.

Un’istantanea che, né i più attenti osservatori, né i distratti viaggiatori che esplorano territori della politica, trovandosi in mezzo a valanghe di insulti incrociati, riescono a mettere a fuoco con chiarezza.

Il Pd, afono, da settimane, dalle Alpi a Capo Passero, ha ripreso vigore, forza e parola.

A Palermo ci hanno pensato i partigiani del Pd a dare il via con un sit-in ieri sera da piazza della Fonderia. A partecipare anche il segretario regionale Fausto Raciti. Anche altri parlamentari regionali dem, nei rispettivi territori,  si sono districati tra iniziative di questo tipo: fra loro Michele Catanzaro ad una manifestazione a Sambuca di Sicilia, Baldo Gucciardi a Trapani, Giovanni Cafeo ad un sit-in a Siracusa, Anthony Barbagallo e Luca Sammartino ad un’iniziativa del partito all’hotel Excelsior a Catania, Franco De Domenico a Messina. Non ha fatto mancare la sua voce anche il capogruppo all’Ars Giuseppe Lupo.

Una presa di posizione legittima dopo i duri attacchi rivolti al Capo dello Stato da Lega e 5stelle, con questi ultimi che hanno annunciato di voler chiedere  la messa in stato d’accusa di Sergio Mattarella dopo il suo ‘no’ a Paolo Savona, ministro dell’esecutivo gialloverde di Conte e il successivo incarico per formare un governo (che nasce ampiamente minoritario in entrambe le camere) a Carlo Cottarelli.

Quel che serve meno di ogni altra cosa è trasformare l’estate rovente che ci aspetta e che culminerà in un ritorno al voto tra settembre e ottobre, in un referendum che strumentalizzi, manipoli e mistifichi la realtà delle cose. Scelte di Mattarella comprese.

Il timore maggiore che emerge e viene fuori, per l’elettore siciliano non meno che per gli altri, è di potere sbagliare scelta. Di affidarsi solo a soluzioni  di pancia e di perdere l’aggancio con il carro dei vincitori, in molti non pensano che a questo, inutile negarlo, facendo fatica a identificare contorni e protagonisti di una vicenda politica polarizzata e frammentata.

Anche Berlusconi, Sicilia compresa, ha il timore di finire nel cono d’ombra che Salvini sta predisponendo senza che nessuno riesca, come pare, a fermare i sondaggi, ora irriverenti, ora implacabili, che certificano il consolidarsi di una leadership uscita dal voto di marzo. Il centrodestra in Sicilia arrivò al 32,9% contro il 48,2% dei 5stelle. Con Salvini adesso che minaccia di fare fuori dalla coalizione senza escludere l’alleanza con il Movimento 5 stelle: lo scenario si complica ancora di più

Eppure, proprio la Sicilia, prodiga con i 5stelle e il loro en plein, potrebbe essere la riserva di voti su cui i forzisti contano adesso che è tornato candidabile il Cav. La pattuglia degli eletti, anche nel centrodestra, in caso di elezioni ravvicinate nei prossimi mesi, chiederebbe la conferma in blocco, ma oggi nessuno è in grado di prefigurare ipotesi, eventi e soluzioni

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.