18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55

Il caos della politica nazionale

Tutti contro tutti. I nervi saldi che mancano alla politica fanno solo confusione

29 Maggio 2018

O con il presidente della Repubblica o contro. Il leit motiv delle ultime ore della politica italiana, che sta finendo di inquinare il web e i social, si è articolato con i suoi riflessi anche di sit-in e manifestazioni (pro Mattarella) in Sicilia, e ha mandato in scena un’immagine, se possibile, ancora più confusa, riduttiva e grossolana.

Un’istantanea che, né i più attenti osservatori, né i distratti viaggiatori che esplorano territori della politica, trovandosi in mezzo a valanghe di insulti incrociati, riescono a mettere a fuoco con chiarezza.

Il Pd, afono, da settimane, dalle Alpi a Capo Passero, ha ripreso vigore, forza e parola.

A Palermo ci hanno pensato i partigiani del Pd a dare il via con un sit-in ieri sera da piazza della Fonderia. A partecipare anche il segretario regionale Fausto Raciti. Anche altri parlamentari regionali dem, nei rispettivi territori,  si sono districati tra iniziative di questo tipo: fra loro Michele Catanzaro ad una manifestazione a Sambuca di Sicilia, Baldo Gucciardi a Trapani, Giovanni Cafeo ad un sit-in a Siracusa, Anthony Barbagallo e Luca Sammartino ad un’iniziativa del partito all’hotel Excelsior a Catania, Franco De Domenico a Messina. Non ha fatto mancare la sua voce anche il capogruppo all’Ars Giuseppe Lupo.

Una presa di posizione legittima dopo i duri attacchi rivolti al Capo dello Stato da Lega e 5stelle, con questi ultimi che hanno annunciato di voler chiedere  la messa in stato d’accusa di Sergio Mattarella dopo il suo ‘no’ a Paolo Savona, ministro dell’esecutivo gialloverde di Conte e il successivo incarico per formare un governo (che nasce ampiamente minoritario in entrambe le camere) a Carlo Cottarelli.

Quel che serve meno di ogni altra cosa è trasformare l’estate rovente che ci aspetta e che culminerà in un ritorno al voto tra settembre e ottobre, in un referendum che strumentalizzi, manipoli e mistifichi la realtà delle cose. Scelte di Mattarella comprese.

Il timore maggiore che emerge e viene fuori, per l’elettore siciliano non meno che per gli altri, è di potere sbagliare scelta. Di affidarsi solo a soluzioni  di pancia e di perdere l’aggancio con il carro dei vincitori, in molti non pensano che a questo, inutile negarlo, facendo fatica a identificare contorni e protagonisti di una vicenda politica polarizzata e frammentata.

Anche Berlusconi, Sicilia compresa, ha il timore di finire nel cono d’ombra che Salvini sta predisponendo senza che nessuno riesca, come pare, a fermare i sondaggi, ora irriverenti, ora implacabili, che certificano il consolidarsi di una leadership uscita dal voto di marzo. Il centrodestra in Sicilia arrivò al 32,9% contro il 48,2% dei 5stelle. Con Salvini adesso che minaccia di fare fuori dalla coalizione senza escludere l’alleanza con il Movimento 5 stelle: lo scenario si complica ancora di più

Eppure, proprio la Sicilia, prodiga con i 5stelle e il loro en plein, potrebbe essere la riserva di voti su cui i forzisti contano adesso che è tornato candidabile il Cav. La pattuglia degli eletti, anche nel centrodestra, in caso di elezioni ravvicinate nei prossimi mesi, chiederebbe la conferma in blocco, ma oggi nessuno è in grado di prefigurare ipotesi, eventi e soluzioni

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.