Tutti pazzi per la Lega, ma la Sicilia degli Autonomisti tifa per Musumeci :ilSicilia.it

rimane centrale il tema delle scelte politiche e dei riposizionamenti

Tutti pazzi per la Lega, ma la Sicilia degli Autonomisti tifa per Musumeci

17 Agosto 2018

Nessuno vuole tirarlo per la giacca, ma la tentazione di vederlo come “soluzione naturale” e ufficiale di collegamento sul campo tra governo regionale e governo nazionale, rimane forte. Nello Musumeci, governatore siciliano e leader di Diventerà Bellissima continua ad essere al centro dell’interesse di chi avverte forte bisogno di interlocuzione politica tra le premesse di dialogo romano.

Nei giorni in cui la Lega di Matteo Salvini governa l’Italia le istanze autonomistiche e delle regioni rischiano di non trovare spazio e di essere sacrificate dal perimetro delle scelte del governo centrale. Un ossimoro per certi aspetti, una contraddizione in termini secondo altri. Nulla che non si possa ricondurre al passaggio dalle idee della Lega di ieri alla necessità delle azioni imposte dai ruoli di governo di quella di oggi. La partita  tra Stato  e Regioni  affonda le radici già nel tempo, da quando cioè il governo Monti ha richiesto un contributo alla finanza pubblica sempre più strutturato che alla Sicilia ad oggi, dal 2012, è costato sette miliardi di euro. Un miliardo e 300 milioni di euro la cifra prevista nel 2019 e un miliardo nel 2020.

In Sicilia il Movimento per l’Autonomie dopo l’uscita di scena legata ai guai giudiziari dell’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo ha vissuto anni difficili come ricorda il vicepresidente dell’Ars Roberto Di Mauro: “Adesso ci stiamo riprendendo il nostro spazio cercando di attivare quei rapporti necessari in Sicilia a ricreare una voce che sappia uscire fuori dal coro”.

In materia di traghettatori e di leader che non si possono improvvisare Di Mauro mostra di avere idee chiare: “Se Nello Musumeci interpreta bene questo ruolo può essere il leader naturale del nuovo processo. Ci vuole la forza politica necessaria nell’interlocuzione tra ruoli, ma anche politica, dei due governi”.

Dopo l’estate dunque il tema delle scelte politiche e dei riposizionamenti tornerà forte e centrale nell’Isola che dialoga con Roma, ma spera di portare a casa il migliore dei risultati possibili.

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.