Tutti pazzi per la Lega, ma la Sicilia degli Autonomisti tifa per Musumeci :ilSicilia.it

rimane centrale il tema delle scelte politiche e dei riposizionamenti

Tutti pazzi per la Lega, ma la Sicilia degli Autonomisti tifa per Musumeci

di
17 Agosto 2018

Nessuno vuole tirarlo per la giacca, ma la tentazione di vederlo come “soluzione naturale” e ufficiale di collegamento sul campo tra governo regionale e governo nazionale, rimane forte. Nello Musumeci, governatore siciliano e leader di Diventerà Bellissima continua ad essere al centro dell’interesse di chi avverte forte bisogno di interlocuzione politica tra le premesse di dialogo romano.

Nei giorni in cui la Lega di Matteo Salvini governa l’Italia le istanze autonomistiche e delle regioni rischiano di non trovare spazio e di essere sacrificate dal perimetro delle scelte del governo centrale. Un ossimoro per certi aspetti, una contraddizione in termini secondo altri. Nulla che non si possa ricondurre al passaggio dalle idee della Lega di ieri alla necessità delle azioni imposte dai ruoli di governo di quella di oggi. La partita  tra Stato  e Regioni  affonda le radici già nel tempo, da quando cioè il governo Monti ha richiesto un contributo alla finanza pubblica sempre più strutturato che alla Sicilia ad oggi, dal 2012, è costato sette miliardi di euro. Un miliardo e 300 milioni di euro la cifra prevista nel 2019 e un miliardo nel 2020.

In Sicilia il Movimento per l’Autonomie dopo l’uscita di scena legata ai guai giudiziari dell’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo ha vissuto anni difficili come ricorda il vicepresidente dell’Ars Roberto Di Mauro: “Adesso ci stiamo riprendendo il nostro spazio cercando di attivare quei rapporti necessari in Sicilia a ricreare una voce che sappia uscire fuori dal coro”.

In materia di traghettatori e di leader che non si possono improvvisare Di Mauro mostra di avere idee chiare: “Se Nello Musumeci interpreta bene questo ruolo può essere il leader naturale del nuovo processo. Ci vuole la forza politica necessaria nell’interlocuzione tra ruoli, ma anche politica, dei due governi”.

Dopo l’estate dunque il tema delle scelte politiche e dei riposizionamenti tornerà forte e centrale nell’Isola che dialoga con Roma, ma spera di portare a casa il migliore dei risultati possibili.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin