Tutto pronto a Santa Margherita di Belice per "In viaggio con Tomasi" e il concorso "Una copertina per Il Gattopardo" :ilSicilia.it
Agrigento

Appuntamento sabato 4 agosto

Tutto pronto a Santa Margherita di Belice per “In viaggio con Tomasi” e il concorso “Una copertina per Il Gattopardo”

di
1 Agosto 2018

Si avvicina il 4 agosto, data in cui a Santa Margherita del Belice, sarà consegnato il prestigioso premio “Tomasi di Lampedusa“, giunto alla sua XV edizione, che quest’anno sarà tributato al grande scrittore spagnolo Aramburu.

Nell’ambito della stessa serata, arricchita da importanti presenze di artisti, il progetto In viaggio con Tomasi, ideato nel 2016 da Antonietta Ferraloro e Fulvia Toscano per Naxoslegge, avrà un suo speciale momento di visibilità internazionale.

Nel corso della serata, infatti, sarà premiato lo studente vincitore del concorso “Una copertina per il Gattopardo“, fortemente voluto, con Naxoslegge, dai comuni di Ficarra e Santa Margherita del Belice.

Il concorso, destinato alle scuole superiori di tutta la Sicilia, che in gran numero hanno aderito alla iniziativa, era stato presentato la scorsa primavera a Palermo presso la Fondazione Whitaker, alla presenza anche del professore Gioacchino Lanza Tomasi, che ne è stato anche il presidente di giuria, è nato con l’intento di promuovere la lettura del capolavoro di Lampedusa, coinvolgendo i giovani in una forma creativa a loro congeniale, cioè la grafica, per ideare una proposta di copertina, in occasione dei sessanta anni dalla prima pubblicazione del romanzo.

Il concorso si è avvalso di una giuria straordinaria costituita da artisti ed esperti: Daniela Bigi, della Accademia di Belle arti di Palermo; Gianluca Collica, gallerista; Mauro Cappotto, artista, assessore alla cultura del Comune di Ficarra e direttore Museo della Stanza della seta; Anne-Clemence De Grolee, artista; Maria Antonietta Ferraloro, saggista; Giuseppe Nuccio Iacono, architetto e direttore Museo Donnafugata; Giovanni Iovane, Accademia Belle arti di Brera; Fulvia Toscano, direttore artistico Naxoslegge e Franco Valenti, presidente Premio Tomasi di Lampedusa e sindaco del comune di Santa Margherita del Belice.

Tanti gli studenti partecipanti, tra i quali la giuria, dopo accurata selezione, ha scelto come vincitore assoluto il giovane Kristian Robert Bury, studente dell’ Istituto Antonello di Messina, sezione grafica. Sono stati segnalati anche, al secondo e al terzo posto, gli studenti Cristian Insirello, Noemi Brunno e Brigida Seguenzia del liceo artistico Nervi di Lentini.

“Siamo grati a Franco Valenti, sindaco di Santa Margherita di Belice, con Gori Sparacino, presidente del Premio Tomasi di Lampedusa, per aver voluto ospitare la premiazione del nostro concorso, nel contesto di un evento così prestigioso, come il premio Tomasi di Lampedusa– dichiara Fulvia Toscano che aggiunge – Un grazie speciale a Mauro Cappotto, anima di questo concorso a cui, con il comune di Ficarra si è dedicato per tutta la parte operativa. Un grazie speciale a tutti i giurati, al professore Lanza Tomasi, che ha avuto fiducia in noi, ai docenti e soprattutto agli studenti che hanno partecipato, dando valore culturale profondo a quanto ci sforziamo di fare, per costruire una cultura condivisa, intergenerazionale, che insegni ai giovani siciliani la capacità di ri-guardare la nostra terra, con occhi nuovi e consapevoli. Ci complimentiamo col vincitore, che ha mostrato una straordinaria sensibilità estetica e figurativa, centrando appieno il senso del nostro progetto“.

Naxoslegge sarà presente a Santa Margherita del Belice, anche nei giorni precedenti il premio. Il 2 Agosto, infatti, nell’ambito delle attività promosse per la settimana lampedusiana, sarà sia presentato presentato il volume “Itinerari siciliani“(Historica), nato sempre per il progetto In viaggio con Tomasi, con la curatela di Antonietta Ferraloro, Dora Marchese e Fulvia Toscano, sia sarà inaugurata la mostra “Lighea. Il mito, la Sirena” dell’artista Alessandro La Motta, che presenzierà all’evento insieme alle coautrici del catalogo, Marinella Fiume, Mariada Pansera e Fulvia Toscano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.