Tutto pronto per la Maratona di Catania: iscrizioni sold out :ilSicilia.it
Catania

STARTING DAY DOMENICA 15 DICEMBRE

Tutto pronto per la Maratona di Catania: iscrizioni sold out

di
10 Dicembre 2019

Si sono accese le luci sulla 2ª edizione della Maratona di Catania, che si disputerà domenica 15 dicembre nel capoluogo etneo.

Ricco il parterre di ospiti nella sala conferenze del Coni Point di corso Sicilia, a cominciare dal delegato provinciale del CONI Enzo Falzone, l’assessore allo sport del Comune di Catania Sergio Parisi, il vice commissario della Fidal Sicilia Davide Bandieramonte, il responsabile dell’area tecnica Giuseppe Marcellino e Giuseppe Sciuto, presidente del comitato provinciale della Fidal Catania.

Ad affiancare gli intervenuti vi era Santi Monasteri, presidente dell’Atletica Sicilia, società organizzatrice dell’evento.

Numeri “importanti” per la seconda edizione della corsa podistica, con un 30% in più di iscritti rispetto alla scorsa stagione. Sono Maratona di Catania 2quasi 1100 gli atleti iscritti alla Maratona di Catania.

Diciotto le nazioni rappresentate, la Polonia quella con più atleti presenti, ben 32; in gara anche podisti che arriveranno da Francia, Germania, Gran Bretagna, Russia, Spagna e Stati Uniti.

Le società con più atleti al via sono, Atletica Sicilia (46), Floridia Running (35) e Monti Rossi Nicolosi (23). A Catania arriveranno atleti da quasi tutte le regioni italiane.

Tre le distanze previste: oltre alla Maratona da correre sulla classica distanza dei 42,195 km, infatti, gli atleti potranno sfidarsi sulla mezza distanza 21,097 km e sui 10,5 chilometri.

Tre opportunità di fare sport, in una giornata che sarà anche occasione di promozione del territorio e aggregazione. In gara tra gli altri Francesco Ingargiola, due i titoli mondiali militari in maratona (Roma 1995 e Catania 2003). Ingargiola correrà la mezza in preparazione della Maratona di Roma del prossimo anno, che correrà a vent’anni dal suo terzo posto e soprattutto dal suo 2h08’48 miglior tempo di sempre di un siciliano in maratona.

LE VOCI DEI PROTAGONISTI

Enzo Falzone (delegato provinciale del Coni): “Chiudiamo l’anno col botto, un anno di grandi avvenimenti sportivi nella nostra città che di fatto è diventata capitale dello sport italiano, grazie anche all’attività dell’amministrazione comunale che ha voluto dare segnali importanti per attirare a Catania queste manifestazioni. La seconda Maratona di Catania consecutiva è un buon auspicio, così come i numeri con la quale si presenta, numeri importanti”.

Sergio Parisi (assessore allo sport del Comune di Catania): “la scorsa edizione è stata un successo, ma il vero successo è ritrovarsi quest’anno con tantissimi partecipanti ed iscrizioni addirittura già chiuse. Sono felice di stare accanto alla federazione (Fidal n.d.r.), capisco i sacrifici per organizzare una manifestazione del genere ma al tempo stesso conosco bene le potenzialità degli organizzatori e la nostra amministrazione è ben felice di interfacciarsi con queste realtà positive per lo sport e per la città di Catania”.

Davide Bandieramonte (Vice commissario della Fidal Sicilia): Porto il saluto del commissario straordinario della Fidal regionale Enzo Parrinello e di tutta l’atletica siciliana. Trovare a Catania la seconda edizione della maratona di Catania, da catanese è un piacere, sono contento e faccio un plauso agli organizzatori. L’atletica catanese deve essere orgogliosa di avere la sua maratona. Un progetto avviato in punta di piedi che adesso comincia a fare “rumore”.

Santi Monasteri (Presidente Atletica Sicilia): “Un progetto ambizioso, la prima volta che ho detto facciamo una maratona a Catania ho ricevuto solo pernacchie, abbiamo avuto la testa dura, un progetto che va avanti grazie alle persone che ci hanno aiutato, a cominciare dagli sponsor che hanno creduto in noi. Corriamo alla Playa che è Catania, in un percorso da PB”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.