Montalbano Elicona: la suggestiva infiorata di Braidi :ilSicilia.it
Messina

Domenica 30 giugno

Montalbano Elicona: la suggestiva infiorata di Braidi

di
28 Giugno 2019

Nuova tappa a Montalbano Elicona, per la suggestiva Infiorata di Braidi,  che si svolge domenica 30 giugno. Quando l’arte è espressa dal popolo, dalla propria fede, da quel fervente impegno che sfocia in un inaspettato estro ed in quella magia che unisce la gente comune senza distinzione di età, dai giovani agli anziani, tutti insieme con lo scopo di abbellire le viuzze ed i vicoli dei piccoli centri e dei nostri borghi.

Infiorata Braidi

Le “Infiorate” rappresentano questo e sono in tutta la Sicilia occasione di aggregazione durante le quali comunità e associazionismo si riuniscono e creano, come un grande artista, colori e suggestioni che, consapevolmente o meno, promuovono il territorio, rendendo i luoghi più attraenti, soprattutto a livello culturale e turistico, richiamando migliaia di visitatori. Senza voler togliere nulla a tutte le meravigliose infiorate siciliane, realizzate con grande passione e fantasia, quella di Braidi, frazione di Montalbano Elicona, è diventata nel corso degli anni una delle più suggestive ed esteticamente tra le più belle. Patrocinata dall’Amministrazione Comunale, arrivata alla ventiduesima edizione, si svolgerà domenica prossima 30 giugno, in occasione del Corpus Domini a partire dalle 18. Da diversi anni rappresenta un’eccellenza per l’accuratezza dell’allestimento, per il sorprendente e piacevole profumo della flora spontanea, che forma il tappeto floreale, e la magia della particolare luminaria che al calar del sole garantisce ulteriore risalto e incanto alle strade.

Un’ulteriore occasione per trascorre una giornata nel fiabesco territorio montalbanese in un percorso che può integrarsi perfettamente con il centro medievale, il Castello svevo-aragonese ed i siti naturalistici dell’Argimusco e del Bosco di Malabotta.

PROGRAMMA

Domenica 30 giugno

Alle 18

Infiorata completa

Alle 18,30

  • Processione del Corpus Domini
  • Luminaria notturna con accensione di lumini

Buona Infiorata di Braidi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.