Twitter ha sospeso gli account di alcuni ultra-nazionalisti americani | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Frasi d'odio alla base di tale provvedimento

Twitter ha sospeso gli account di alcuni ultra-nazionalisti americani

di
17 Novembre 2016

Twitter, con un’azione piuttosto sorprendente, ha sospeso gli account di molti attivisti americani ultra nazionalisti, colpevoli di aver scritto frasi di odio sulla nota piattaforma social, violandone le regole.

twitterA essere colpiti sono stati gli account del National Policy Institute, descritto come “bianco-nazionalista”, la sua rivista Radix e Richard Spencer, a capo di tale istituto.

Spencer, che secondo il gruppo anti-odio SPLC (Southern Poverty Law Center) avrebbe parlato di “pulizia etnica pacifica per fermare la decostruzione della cultura europea”, denigrando tale azione sul quotidiano di destra Daily Caller bollandola come “stalinismo aziendale”.

La sospensione appare ancora più strana alla luce del fatto che, da poco tempo Spencer aveva ottenuto pure il badge per la verifica del suo account, la classica spunta blu che appare vicina ai nomi dei profili delle persone di spicco che effettivamente gestiscono personalmente il proprio profilo.

“Le regole di Twitter proibiscono le minacce di violenza, molestie, condotta d’odio e agiamo sugli account che violano tali politiche” è stata la dichiarazione di un portavoce del colosso del micro-blogging, nel solco di altre azioni che nell’ultimo anno hanno visto la chiusura di oltre 360mila account considerati vicini allo Stato Islamico e colpevoli della stessa violazione della policy della celebre piattaforma.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin