U Pisci d'ovu: un piatto povero, ricco di bontà | LA RICETTA :ilSicilia.it

La tradizione a tavola

U Pisci d’ovu: un piatto povero, ricco di bontà | LA RICETTA

di
26 Marzo 2020

La tradizione culinaria siciliana stupisce non solo per la varietà, ma anche per la sua giocosità nella scelta dei nomi che, spesso, sono dei veri e propri trompe-l’oeil in cucina, come il piatto di “u pisci d’ovu“, protagonista assoluto del nostro articolo. Fa sorridere come mentre dicendo “uova di pesce” si pensi immediatamente a  quelle di storione, costose e pregiate, con “u pisci d’ovu”, invece, a delle “muffulette” di uovo e pangrattato, c’è chi le chiama così, appartenenti alla cucina povera e di cui vi daremo la ricetta.

U pisci d’ovu
Su queste appetitose frittatine aleggia una storia, d’altronde nella nostra amata Sicilia tutto lo è o qualsiasi cosa la ha, che noi abbiamo romanzato. Immaginatevi di trovarvi nel porticciolo dell’incantevole Aci Trezza, pescatori tra i pescatori, in compagnia di Padron Ntoni, il patriarca della famiglia Malavoglia che, come ci racconta Giovanni Verga, era disposta come le dita della mano: prima veniva lui, il dito grosso, che comandava, poi suo figlio Bastianazzo,  la Longa, e, infine, i nipoti in ordine di anzianità, tornare all’alba a mani vuote. Adesso, cercate di sentirne i pensieri, la delusione, la stanchezza nell’aver sprecato una “nuttata“, il senso di colpa per non aver portato nulla da metter mettere a tavola. Osservatene il volto segnato, gli occhi tristi.

U pisci d'ovu

Ora, cambiando prospettiva, mettetevi nei panni delle donne, mentre aspettano l’uomo di famiglia, con sorrisi di speranza che si spengono nel vederlo col volto scuro e contrito, ma che, al suo dire: “oggi pisci d’ovu”, invece di rabbuiarsi, per alleggerire la pesantezza del suo animo,  rispondere: “Viva patruzzo, manciamu ova“. Ed ecco che, improvvisamente, quelle parole cancellano nel capofamiglia quell’immagine in cui: “il mare gli brontolava la solita storia lì sotto, in mezzo ai fariglioni, perchè il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di quà e di là dove nasce e muore il sole, anzi ad Aci Trezza ha un modo tutto suo di brontolare, e si riconosce subito al gorgogliare che fa tra quegli scogli nei quali si rompe, e par la voce di un amico“.

Abbiamo voluto immaginare i Malavoglia sì vinti, perché rappresentanti un mondo che sta scomparendo, ma speranzosi,  come se avessero visto la “Provvidenza“, da immanente, farsi trascendente.  E, adesso, andiam andiam andiam a cucinar.

Ingredienti:

  • 4 Uova
  • 100 g pangrattato
  • prezzemolo
  • menta
  • cipolla
  • 100 g pecorino grattugiato
  • olio per friggere
  • sale q.b.

Procedimento:

Il procedimento è quello delle polpette di carne, ma andiamo nel dettaglio

1. In una ciotola battete le uova, aggiungete sale, pangrattato, pecorino grattugiato, prezzemolo, menta e cipolla, tritati finemente, finché l’impasto abbia la giusta consistenza per poter essere fritto.

2. In una padella, in abbondante olio bollente, aiutandovi con un cucchiaio, per prendere il composto, e una forchetta per spingerlo in padella, formate dei pisciteddi.

3. Appena saranno dorati, girateli e metteteli in un piatto con carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

I vostri “pisci d’ovu” sono pronti e il pranzo, oltre che scritto, è già mangiato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin