Uccide la madre a pugni, arrestato un uomo a Ragusa :ilSicilia.it
Ragusa

la donna è morta dopo venti giorni di agonia

Uccide la madre a pugni, arrestato un uomo a Ragusa

9 Novembre 2019

Avrebbe ucciso a pugni la madre al culmine di una lite per futili motivi, ma è stato arrestato oggi dai carabinieri di Ragusa.

Il presunto omicida è Carmelo Chessari, 48 anni, con precedenti penali per spaccio di droga.

IL FATTO

L’aggressione risale all’aprile scorso quando la madre del pregiudicato, Santa Trovato, venne ricoverata in ospedale a Ragusa con gravi ferite e tumefazioni.

Secondo i medici, le lesioni sul corpo della donna sarebbero state causate da una serie di pugni.

L’anziana donna morì dopo una lunga agonia durata venti giorni.

Carmelo Chessari, donna uccisa a pugni a Ragusa
Carmelo Chessari

Secondo una prima ricostruzione, Chessari, rimasto chiuso fuori in terrazzo, cercò l’attenzione della madre per farsi aprire la porta ma senza riuscirci.

A quel punto, l’uomo avrebbe sfondato la porta per farsi strada in casa e avrebbe a quel punto colpito il genitore a suon di pugni.

La donna, come detto dallo stesso Chessari, si mise a letto dopo l’accaduto e solo l’indomani il figlio scoprì che la madre era in coma.

Al tempo dei fatti l’uomo non venne sottoposto ad alcuna misura cautelare in quanto non vi erano elementi che potessero ricollegare le percosse alla morte.

A seguito dell’autopsia, disposta dalla procura, e delle indagini dei carabinieri, che sarebbero state trovate le prove di una connessione fra l’aggressione del figlio e il decesso della donna.

La Procura ha quindi chiesto al giudice l’emissione del provvedimento di custodia a seguito della possibilità che il soggetto possa reiterare il delitto.

Il giudice ha così firmato l’ordinanza, con il relativo interrogatorio di garanzia che si è svolto ieri.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.