Uccise due rapinatori e ne ferì un terzo, gioielliere condannato a 13 anni | Video :ilSicilia.it
Catania

Per i difensori si era trattato di legittima difesa

Uccise due rapinatori e ne ferì un terzo, gioielliere condannato a 13 anni | Video

di
11 Dicembre 2019

Guarda il video in alto

Tredici anni di carcere, con libertà vigilata per un periodo non inferiore a tre, interdizione dai pubblici uffici e risarcimento alle parti civili da quantificare in separata sede: questo il dispositivo di sentenza, letto, intorno alle 14, dal Presidente della quarta sezione della Corte d’Assise di Catania Concetta Spanto contro Guido Gianni, 58 anni, che il 18 febbraio del 2008 uccise due rapinatori e ne ferì un terzo che avevano assalto il suo negozio a Nicolosi, comune alle falde dell’Etna.

All’imputato sono state riconosciute le attenuanti generiche. L’avvocato Michele Liuzzo, del collegio difensivo, insieme al legale Orazio Gulisano, ha annunciato ricorso in appello. All’uscita dall’aula, Gianni, accompagnato dalla moglie, ha ironicamente detto ai cronisti “giustizia è fatta”.

Il 18 novembre scorso, la Procura di Catania aveva chiesto alla Corte d’assise la condanna a 17 anni di reclusione, per duplice omicidio e tentativo di omicidio.

Il giorno della rapina, l’imputato aveva subito un assalto da più uomini, che avevano anche minacciato di uccidere la moglie con una pistola poi risultata a salve e senza il tappo rosso. Nel procedimento sono presenti come parti civili i familiari delle due persone uccise, Davide Laudani e Sebastiano Catania, e del ferito, Fabio Pappalardo.

Dalla ricostruzione dei periti medico legale e balistici l’uomo dopo avere ingaggiato una colluttazione con i banditi li avrebbe feriti, ma i colpi mortali sarebbero stati esplosi mentre fuggivano. I legali del gioielliere sostengono, invece, la tesi della legittima difesa e della momentanea impossibilità di intendere e volere di Gianni sconvolto dall’aggressione alla moglie.

LEGGI ANCHE:

Uccise due rapinatori e ne ferì un terzo. Il pm chiede 17 anni di carcere per un gioielliere

Gioielliere uccise rapinatori: “E’ stata legittima difesa”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin